Malgrado un bilancio modesto, Roma ritiene di avere spostato il dibattito sulla crescita negoziando


Gli europei hanno lanciato il loro più grande piano di investimenti di € 315 miliardi.

Renzi lancia le sue priorità per il semestre di presidenza italiana dell'Unione europea: Renzi ha chiesto un cambiamento "sostanziale" in Europa.


Matteo Renzi ha promesso di "dare l’anima" per un' Europa "stanca e rassegnata". Probabilmente un po' ambizioso. Sei mesi dopo il suo discorso lirico del 2 luglio, al Parlamento europeo, il capo del governo italiano terrà il 13 gennaio la lezione finale di un semestre di presidenza italiana dell'Unione europea (UE) segnato da qualche fragile avanzata.

Di fronte a crescenti critiche "per un semestre più che modesto", l'entourage di Matteo Renzi difende il suo metodo. Nonostante alcuni rimpianti per la lentezza della trattativa transatlantica di libero scambio (TTIP) e la neutralità di Internet, senza eccessivi trionfalismi, Roma sostiene che sia stato fatto un grande passo avanti sulla flessibilità del Patto di stabilità e, soprattutto, e che si sia sconfitta la "Europa dei tecnocrati".


"Questa è la prima volta che si dice chiaramente che gli investimenti che hanno senso per il futuro dell'Europa saranno detratti dal patto di stabilità: si tratta di un piccolo passo in avanti per l'Italia e un grande passo in avanti per l'Europa ", ha commentato Matteo Renzi dopo l'ultimo Consiglio europeo del 18 dicembre, giudicando il piano Juncker per gli investimenti 'un buon primo passo'.

Ma, con il supporto di più o meno tacito di Parigi, Roma è decisamente ottimista sulla possibilità di sottrarre gli investimenti dal calcolo del deficit pubblico.

"Jean-Claude Juncker ha detto che i contributi nazionali non saranno registrati e saranno neutrali sul Patto di stabilità e di crescita. Si rompe un tabù: tutte le spese pubbliche non sono più negative", ha detto lunedi il Segretario di Stato per gli Affari europei, Sandro Gozi, ad un piccolo gruppo di giornalisti stranieri. "Ci riferiamo a proposte nei prossimi mesi per estendere questo principio di cofinanziamento nazionale e regionale dei fondi strutturali dell'Unione europea sotto il controllo della Commissione europea," insiste Sandro Gozi. Si propone di mettere sotto il controllo della Commissione e la BEI (Banca Europea per gli Investimenti) diverse iniziative di investimento, anche a livello nazionale, sottraendo i parametri del patto.


Tre rimpianti principali

In termini di grandi rimpianti: la TTIP, la neutralità della rete e dei negoziati sul "made in" (etichettatura sull'origine dei prodotti). "Abbiamo voluto fare molto di più sul TTIP e sul "Made in (Italy)". Avremmo anche voluto eliminare il "roaming", e raggiungere un accordo definitivo sulla "neutralità della rete". Questo compito spetta ora al Presidente della Lettonia ", ammette Sandro Gozi. "Roma aveva accarezzato il sogno di chiudere sul TTIP durante la sua presidenza, ma era irrealistico perché gli americani rimangono molto cauti sul tema", dice un diplomatico. Pur ricordando che la presidenza italiana era in forza da solo un mese, si crede che l’Italia non può pretendere il successo del pacchetto clima ed energia, in gran parte a causa della ex presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy.

Infine, la questione fastidiosa del salvataggio dei migranti nel Mar Mediterraneo, "L'Italia può essere considerata artefice dell'alto rendimento dell'operazione "Mare Nostrum" e ha ottenuto il lancio di "Operation Triton" in ambito UE, ha dichiarato l'ambasciatore di Francia in Italia, Catherine Colonna.

Roma rimane uno dei principali contribuenti al dispositivo Triton, che ha sostituito l'operazione "Mare Nostrum". Nonostante i dubbi persistenti circa l'efficacia della missione, il governo Renzi ha finalmente visto con sollievo il Frontex diventare operativo all'inizio di novembre nel corso di un'operazione dal costo annuale nazionale di 114 milioni di €. Almeno, Roma ha fatto da volano in quest'area.



Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano