ALER sull'orlo del fallimento: i colpevoli vanno cercati al Pirellone


MILANO - Un ex presidente già fedelissimo di Craxi, il socialista Loris Zaffra, rispuntato dalle nebbie della Milano da bere in casa Forza Italia e chiamato nel 2008 da Formigoni alla guida del colosso dell'edilizia pubblica. Manager equamente divisi, ed ecco tra i tanti con il cuore a destra Marco Osnato, genero di Romano La Russa, fratello del sempre presente Ignazio. Un cattolicissimo ex democristiano come Domenico Zambetti, anche lui arrivato nel Pdl, che da assessore regionale alla Casa finì in guai tanto seri da innescare la valanga che portò alla fine del regno ventennale di Formigoni. Ci sono le tante anime della famiglia centrodestra, nell'album delle foto simbolo del carrozzone Aler. Una storia che oggi finisce nel disastro, con il colosso che gestisce 80mila case popolari tra Milano e hinterland in profondo rosso. Solo il denaro iniettato dalla Regione Lombardia l'anno scorso l'ha salvato dal fallimento, permettendo di pagare fornitori e stipendi, perché un'azienda pubblica come questa non può dichiarare bancarotta. Ma ora il governatore Maroni deve fare il miracolo: far decollare il piano di salvataggio, con soldi pubblici da una parte e una robusta vendita di quasi 10mila alloggi agli inquilini e al mercato. Un'asta sulle case che "rappresenta il primo passo che consentirà il concreto avvio del risanamento aziendale", ha spiegato il presidente del collegio commissariale Gian Valerio Lombardi. "Aler - ha aggiunto - percepirà risorse da reimpiegare nelle attività di manutenzione, alleggerirà i costi di gestione attraverso l'estinzione dei condomini misti e, infine, offrirà l'occasione di diventare proprietari a condizioni particolarmente agevolate". L'azienda dipende dal Pirellone, ed è lì che bisogna guardare per ricostruire la storia recente. A quella Regione governata dal 1995 al 2013 dal centrodestra di Formigoni detto il Celeste. L'Aler è sempre stata terreno di pascolo della politica, tra spartizioni e clientele, safari elettorali e amnesie, tra i 1.200 dipendenti e i sei milioni di euro in consulenze bruciati tra il 2009 e il 2013. Toccava alla Regione scegliere i vertici, e toccava alla Regione dare strategia e far funzionare i controlli. Ma nell'ultimo decennio molto non deve avere funzionato, se i conti di oggi inchiodano all'impietoso crack. Ai 4mila appartamenti occupati abusivamente, tra case di proprietà dell'Aler e case del Comune che l'azienda gestiva fino a due mesi fa quando il sindaco Pisapia, convinto che l'avvilente situazione dei palazzoni popolari non potesse andare oltre, ha deciso di riprendersele. Un divorzio perché "gravi problemi di gestione e manutenzione rimangono irrisolti", ha detto il sindaco succeduto al centrodestra di Letizia Moratti. Crack economico, abusivi, ma anche 9mila alloggi vuoti tra Erp e demanio comunale perché così malmessi da non poter essere affittati. E 23mila famiglie in lista d'attesa per una casa popolare. I numeri del caso Milano sono questi. E dicono che negli anni il carrozzone Aler è finito fuori strada, mentre la politica distrattamente o colpevolmente non ha fermato il declino. Era da poco arrivato nell'ufficio nobile di Palazzo Lombardia, Roberto Maroni, quando fece suonare l'allarme rosso: l'Aler rischia il fallimento. Un'operazione verità non rinviabile, insieme al benservito a Zaffra sostituito dal commissario plenipotenziario Gian Valerio Lombardi, già prefetto di Milano. Ma forse anche un sapiente gioco d'anticipo nel nome della "discontinuità", per cercare di far uscire la sua Lega da quell'album di famiglia.




Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano