Riforma del Vaticano: il Papa appare isolato


La riforma della Curia romana è la "madre di tutte le riforme" promesse dal Jorge Bergoglio durante la campagna elettorale che lo ha portato al soglio di Pietro. Ma due anni dopo la sua elezione, Papa Francesco, adorato dalle folle, ma impopolare tra i principi della Chiesa, fa fatica per metterla in pratica. Su questo tema, il Concistoro che coinvolge 165 cardinali, preceduto da un seminario di tre giorni del "consiglio della corona" - un elenco di nove stretti cardinali il Pontefice - non è riuscito a fare grandi passi avanti.


Papa Francesco il 22 dicembre elencava le 15 “malattie della curia”: "Spiritual Alzheimer", "esibizionismo mondana", "cortigiano", "l'accumulo di beni" ... Secondo lui, i membri della Curia usano la Chiesa per consolidare il loro potere e condurre le loro carriere personali. Lo scopo della sua riforma tende a invertire la tendenza: è ora che la Curia si metta al servizio del Papa e della Chiesa universale.

Più facile a dirsi che a farsi. Il Concistoro ha indicato più progetti destinati a modificare sia la riforma amministrativa della Curia sia il suo funzionamento. Così, due congregazioni (l'equivalente dei nostri ministeri) dovrebbero raccogliere qualche decina di Consigli Pontifici (l'equivalente delle nostre segreterie di stato) oggi esistente. Il primo gruppo comprende i servizi riguardanti i laici, la famiglia e la difesa della vita. Il secondo riunirà le competenze necessarie beneficenza Vaticano, i temi della giustizia e della pace, i migranti, le scienze sociali e l'ecologia.

Nulla, tuttavia, è stato detto a proposito della Segreteria di Stato (l'ufficio del Cardinale Segretario di Stato, il primo ministro), ma che è al centro di tutti i dibattiti. Lo scandalo Vatileaks ha dimostrato che durante il pontificato di Benedetto XVI la Segreteria era riluttante ad una gestione aziendale, ed era diventata uno Stato nello Stato che curava più gli interessi dei suoi membri che quelli della Chiesa. Il suo ambito di competenza dovrebbe quindi essere ridotto.

Una minaccia per gli altri dicasteri. Così, se il conservatore Cardinale Gerhard Ludwig Müller, capo della Congregazione della Fede, ha insistito sul fatto che "le competenze dottrinali non possono essere trasferiti alle conferenze episcopali, «è perché sa che il suo ruolo di custode del dogma è minacciato. Una battaglia intensa è impegnata in tutta la Congregazione per i Vescovi, accusata di non aver tenuto sufficientemente conto dei vescovi locali nelle recenti nomine. Tuttavia, non aspettatevi cambiamenti drammatici. In termini di rapporti di forza, una virgola o una frase può cambiare molte cose.

Papa Francesco ed i suoi collaboratori si avvicinano a questo progetto, che non sarà completato fino al prossimo anno, molto cautamente. Il cardinale Maradiaga, un membro del Consiglio della Corona, aveva sollevato la possibilità che i laici potessero guidare congregazioni. "E 'impensabile," rispose Padre Lombardi, il portavoce vaticano. Jorge Bergoglio dopo le speranze suscitate al sinodo della famiglia ha fatto un passo indietro. Il tema della comunione ai divorziati risposati è scomparso. In recenti interviste, il papa aveva semplicemente sperato che le persone divorziate fossero "non discriminati". Su omosessualità, siamo passati da "chi sono io per giudicare?" a divagazioni sull’opportunità di adottare bambini per le coppie gay. Relativamente alla pedofilia, la linea dura, di costringere i Vescovi a denunciare alla polizia i sacerdoti colpevoli di abusi sessuali sui bambini, è in discussione nella commissione .

Papa Francesco affronta una doppia opposizione. Prima di tutto, i conservatori, tra cui i cardinali americani, come il cardinale Raymond Burke, denunciano "una Chiesa senza timoniere." Ma deve anche prendere in considerazione il numero di cardinali che hanno votato per lui, ma che sopportano male oggi l'autoritarismo e le incertezze nella loro carriera. Alcune dichiarazioni estemporanee - "non è necessario riprodurre come conigli", "un schiaffo può fare bene ad un bambino", "Charlie :Se qualcuno insulta mia madre, egli deve aspettarsi che gli dia un pugno? "- hanno suscitato perplessità e dato un senso di improvvisazione permanente.

"Mai un Papa sereno avrebbe fatto un discorso duro come quello delle 15 malattie della curia,dice il vaticanista Marco Politi. Papa Francesco è in minoranza e in guai molto grossi."

Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano