Incontro Papa Francesco, Matteo Renzi, Vladimir Putin


Nell’incontro di mercoledi 10 giugno 2015 Papa Francesco ha esortato il presidente russo a "fare un sincero sforzo" per la pace in Ucraina, che poche ore dopo l’incontro con il premier Matteo Renzi aveva criticato le sanzioni contro il suo paese. Il presidente russo era in visita a Milano, in occasione della Giornata della Russia al World Expo, dove è stato accolto dal Sig Renzi e una piccola folla di compatrioti a lui inneggianti.

Il pontefice Jorge Bergoglio ha invitato "tutte le parti" a rispettare gli accordi di Minsk tra i ribelli separatisti filo-russo ed il governo di Kiev. Durante l'incontro in Vaticano , il Papa è apparso serio e senza sorridere, anche se l'atmosfera sembrava un po 'riscaldato, alla fine del colloquio. Alla vigilia della riunione, il Primate della Chiesa greco-cattolica di Ucraina//, mons Sviatoslav Chevtchuk aveva preannunciato la speranza che Papa Francesco "fosse la voce del popolo oppresso". In Ucraina, i ribelli sono per lo più fedeli al Patriarcato ortodosso di Mosca e combattono contro altri ortodossi e contro i greco-cattolici (uniati) fedeli a Roma, ma il Vaticano è rimasto molto cauto in questa crisi, con il disappunto degli uniati cattolici che vogliono una condanna diretta della politica russa in Ucraina.

Entrambe le interviste hanno rappresentato per il capo dello stato russo una buona occasione per rompere il suo isolamento diplomatico, che è aumentato ulteriormente dopo la sua esclusione dal G7-G8. Scommessa quasi vinta a Milano, dove il padrone di casa Renzi ha elogiato il ruolo della Russia, "grande potenza che era, è e sarà" nel mondo. Questo non ha impedito, al signor Renzi, ricordare quanto sia indispensabile l'applicazione degli accordi Minsk. L'Italia, uno dei paesi europei più favorevolmente disposti nei confronti della Russia, questa settimana è stato uno dei firmatari della dichiarazione dopo una riunione dei leader del G7 in Baviera .

I sette capi di Stato e di governo concordano all'unanimità sulla durata delle sanzioni contro la Russia per "la piena attuazione degli accordi di Minsk" di febbraio su un cessate il fuoco in Ucraina e "il rispetto della sovranità " di Kiev, anche minacciando di indurirle per la mancanza di risultati. Il rispetto di tali accordi, per risolvere la crisi ucraina, è "la stella polare, la bussola, il punto di riferimento", ha detto il signor Renzi.

Putin ha concordato sull'importanza di giungere ad una soluzione "pacifica" della crisi ucraina, ha toccato un tasto sensibile per gli operatori economici italiani : le sanzioni danneggiano anche i paesi

che le impongono. Ciò è particolarmente vero per l'Italia, un paese con il quale la Russia strette relazioni economiche, ha detto. "La cancellazione di alcuni progetti militari congiunti significa che le imprese italiane hanno perso un miliardo di euro. Potevano creare attività, di posti di lavoro. Ciò non accade a causa delle sanzioni ", ha sottolineato.

Il recente intensificarsi dei combattimenti in Ucraina orientale non facilita il piano di pace, e perchè la pace debba realmente esistere occorre che la Russia rispetti la sovranità dell'Ucraina. Papa Francesco auspica che Putin sia sincero nel suo desiderio di pace, ma le forniture di armi dalla Russia alle milizie in Ucraina orientale si sono intensificate. Il papa avrebbe dovuto pronunciarsi per una chiara condanna della politica russa. Grazie!

Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano