Editoriale #58


http://www.telegraph.co.uk/news/2016/05/14/boris-johnson-the-eu-wants-a-superstate-just-as-hitler-did/

Boris Johnson, ex sindaco di Londra tuona: l’UE come Hitler, ma non solo.

L’Italia, un tempo grande potenza manifatturiera, è stata assolutamente distrutta dall’euro, così come volevano i tedeschi”, e inoltre “l’euro è diventato un mezzo attraverso cui la produttività tedesca ha acquisito un vantaggio assolutamente imbattibile su tutta l’Eurozona”.

Napoleone, Hitler, in diversi ci hanno provato, e la fine è stata tragica. L’UE è un mezzo per fare la stessa cosa, che utilizza metodi diversi”, rispetto a quelli del dittatore nazista. Ma l’UE condivide lo stesso obiettivo che perseguiva Hitler, ovvero quello di unificare l’Europa sotto una unica “autorità”.

Boris (che ama l'Italia) per educazione non parla della responsabilità politica della classe politica italiana. Da una parte la sinistra espressione di una piccola borghesia "compradora" e statale non vedeva l'ora di delegare la responsabilità del comando a Bruxelles in cambio di assistenzialismo coloniale. Dall'altra Berlusconi, (e la Lega Nord) vessillo degli imprenditori, era più impegnato a difendere i suoi profitti e le stelline di Mediaset spedite in vacanza a Bruxelles che a pensare di ristrutturare l'industria italiana per far fronte alle minacce della globalizzazione. La miriade di piccoli imprenditori (troppo piccoli per poter contare qualcosa) erano traditi proprio da coloro che avrebbero dovuto difenderli.

Per l’ormai ex-sindaco di Londra, insomma, l’Europa ha “un problema eterno, rappresentato dal fatto che non esiste alcuna lealtà di fondo all’idea di Europa. Non esiste una una singola autorità che tutti rispettino o comprendano. E ciò sta causando un vuoto assoluto di democrazia”.

Votare "leave" il 23 giugno per salvare l'Europa, parrebbe dunque...


Inaugurazione del tunnel di base del San Gottardo

Il 1º giugno 2016, 17 anni dopo la prima esplosione nel cunicolo principale, la galleria ferroviaria più lunga del mondo é stata inaugurata ufficialmente. La Svizzera ha invitato ospiti d’onore elvetici e internazionali all’evento di inaugurazione così come l’intera popolazione a un’indimenticabile festa. Mercoledì 1º giugno si è tenuta una cerimonia di inaugurazione degna dell’importanza dell’opera di costruzione. L’evento ha avuto copertura internazionale ed ha trasmesso i valori tipicamente svizzeri dell’innovazione, della precisione e dell’affidabilità. Durante il fine settimana del 4 e del 5 giugno 2016, nei luoghi della festa vi è stato uno straordinario programma con oltre 50.000 visitatori ai due portali della galleria, lunga 57 chilometri.L’inaugurazione della galleria di base del San Gottardo: importante evento internazionale e festa popolare per grandi e piccoli.

Veneto Banca è la sesta banca a fallire.

I soci di Veneto Banca non raggiungeranno il 51% e quindi Atlante interverrà in questa operazione e acquisirà il controllo della banca. Ma i grandi, "fiutata" l'aria malsana, avevano ritirato il loro malloppo da almeno due anni - lo ha detto Carlo Messina, CEO di Banca Intesa. Il 2 dicembre 2015 ai fini del recesso le azioni erano state valutate 7,3 euro contro i 30,50 euro fissati dall’assemblea di aprile, vale a dire il 76% in meno, un'enormità. Ma ora con la ricapitalizzazione imposta per un miliardo di euro le azioni sono offerte con una forchetta da 0,1 a 0,5 euro. Una serie di concause portano al fallimento le banche negli ultimi due anni: cattiva amministrazione, favori e regalie ai soci, superficialità della Banca d'Italia e dei politici nel pianificare e richiedere la ristrutturazione (mentre in Europa tutti ne approfittavano - a partire dai tedeschi, con l'aiuto statale) ed a farsi imporre le leggi dal centro della UE teutonica. Il teorema tedesco recita: "tutte le banche italiane sono sull'orlo del fallimento poiché possiedono titoli di stato italiani, e lo Stato italiano a sua volta sarebbe sull'orlo del fallimento perché è strutturalmente incapace di restituire l'enorme debito..." - e i piccoli risparmiatori vedrebbero i loro risparmi in fumo, insomma...

In verità il debito pubblico italiano (cioè della pubblica amministrazione) è più che compensato e garantito dalla ricchezza privata, imprese e cittadini italiani, che di certo non hanno debiti con l'estero, anzi semmai vantano crediti (a differenza di greci, portoghesi o altri in Europa); ma a un dato è certo e costante: quando un paese va in profonda recessione (manifattura ed altro) le banche traballano. Vedasi quanto successe dopo la crisi mondiale del 1929. In 4 anni le maggiori banche Italiane di allora fallirono per incapacità di riscuotere i generosi prestiti concessi all'industria manifatturiera entrata nel frattempo in profonda crisi.

Elezioni Comunali Milano 5/giugno/2016.

I risultati sono sorprendenti ma permettono di trarre alcune facili conclusioni:

a) Parità fra Sala (41,7%), candidato del centrosinistra e Parisi (40,5%) del centro destra.

b) L'80% dell'elettorato milanese è moderato e premia e vuole solo i due maggiori partiti. Non vi è posto per un terzo (M5S). La società milanese è solida e si rinnova secondo tradizione.

c) La Lega Nord per la prima volta si allea con i fascisti, ma non è premiata. Anzi i moderati di destra preferiscono Forza Italia, che ha uno slancio di orgoglio nonostante il declino fatale del suo leader.

d) L'elettorato PD premia Majorino, (candidato sconfitto alle primarie), per la sua coerenza, e lealtà.

e) La lista Sinistra X Milano, voluta dagli arancioni supporter della Balzani, altra candidata PD alla primarie, ottiene meno voti di quelli ottenuti nelle primarie. Gli elettori PD non amano i faziosi...

f) Le periferie di Milano votano a destra. Gli operai ed i figli di operai votano a destra come in Francia (con la Marine Le Pen) ed in Gran Bretagna, per l'incapacità della sinistra a proteggerli contro la globalizzazione e la disoccupazione.

g) Affluenza al 54,6%. Il 13% in meno rispetto alle ultime elezioni comunali (oltre 100.000 elettori). Oltre all'astensionismo ideologico esiste ormai la consapevolezza che il voto utile è solo al ballottaggio.

h) L'estrema sinistra appare insignificante sia per carenza di uomini che di programmi (a differenza che in Francia)




Sommario











Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio