Editoriale #60


«Mission possible» per Giuseppe Sala: il neosindaco di Milano è in visita ufficiale a Londra con un obiettivo molto chiaro. Milano intende candidarsi come sede possibile per due autorità europee che ora sono a Londra ma che, dopo il referendum che ha sancito l'uscita della Gran Bretagna dalla UE, con ogni probabilità dovranno trasferirsi altrove.Si tratta dell'EBA, la European Banking Authority, e dell'EMA, la European Medicines Agency. Entrambe ora hanno sede a Canary Wharf, il nuovo centro finanziario londinese, e insieme danno lavoro a oltre mille persone.

La visita di Sala punta quindi a presentare i vantaggi di Milano e di porre le basi per una possibile intesa in colloqui con i responsabili delle due Authority, che sono entrambi italiani. A favore di Milano, in grande spolvero dopo l'Expo, giocano la posizione geografica, gli ottimi collegamenti e sistema di trasporti e la sua reputazione come capitale economica d'Italia e centro finanziario. La zona della fiera utilizzata per l'Expo potrebbe anche essere una sede adatta e subito disponibile per EBA e EMA, facilitando il loro trasferimento.

Oltre al prestigio di ospitare la sede di un importante ente europeo, con centinaia di dipendenti e le loro famiglia, la presenza di una delle due agenzie farebbe anche da catalizzatore, attraendo altre imprese del settore finanziario o farmaceutico con ricadute positive per l'economia cittadina. Per queste ragioni Milano dovrà però affrontare la concorrenza di altre città europee, da Madrid a Stoccolma e da Amsterdam a Varsavia, tutte decise ad attrarre l'Eba o l'Ema. La battaglia è aperta, e tutta da combattere, ma Sala ha agito con rapidità per trovarsi in prima linea. In linea con l'opinione del presidente del Consiglio Matteo Renzi che«Brexit per l'Italia può rappresentare un'occasione». Per l'Italia e per Milano.

BREXIT: Robin Hood ha vinto ancora. Il popolo incolto e debole ha vinto contro i benestanti. E chi può negare che la liberalizzazione dei mercati (UE e mondiali) rende i ricchi più ricchi (le multinazionali) ed i poveri più poveri (la stragrande maggioranza di artigiani costretti a cambiare mestiere ed abitudini per l'invadenza di prodotti meno costosi). APERIRE TERRAM GENTIBUS...: e perchè mai l'uomo della strada ancorato al proprio campanile, la sua certezza esistenziale da sempre, dovrebbe cambiare stile di vita? Il liberismo economico (allora chiamato Manchesterismo) iniziato circa dopo Napoleone nel 1815 si concluse all'incirca nel 1870, in Europa. Seguì un ciclo protezionistico terminato infine nel 1945. Dalla seconda guerra mondiale il liberismo è chiamato globalizzazione coinvolgendo anche i "nuovi pianeti" Cina ed India. Che sia iniziata la fine della Globalizzazione?

I trattati di libero scambio tra UE ed USA, TTIP sono rinviati al 2022, Il DOHA 2 è rinviato sine die, e la Cina otterrà quest'anno dalla UE il riconoscimento di economia di mercato? Solo la Germania lo pensa per salvaguardare i grandi investimenti ed impianti in Cina.

Referendum costituzionale di ottobre, comitati del SI al lavoro. Dibattito della direzione del PD ed intervento di Renzi sempre all'attacco... per dettagli fare click sull'immagine sotto:














Sommario



Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano