L'industria francese ha perso più di 1,4 milioni di posti di lavoro in venticinque anni


A Belfort si producono locomotive dal 1879. L'annuncio da parte di Alstom di interrompere la produzione nel 2018 è stato uno shock per i dipendenti, per la città e per i politici. Dopo la chiusura degli altiforni a Florange nel 2011, Alstom è diventato il nuovo simbolo della deindustrializzazione. Entrambi i focolai di crisi si trovano nella parte orientale della Francia, una regione storicamente industriale.

A causa della crescita della popolazione l'occupazione complessiva è aumentata in termini assoluti in Francia per venticinque anni, da 23 milioni di dipendenti e lavoratori autonomi nel 1989 a quasi 27 milioni nel 2014. Tuttavia, gli occupati nel settore industriale hanno continuato a diminuire: più di 1,4 milioni di posti di lavoro sono stati persi. I settori più colpiti sono la produzione beni intermedi e, in misura minore, l'automobile, mentre gli alimentari e l'energia è rimasto stabile.

La tendenza è proseguita nel corso degli ultimi cinque anni, con quasi 190 000 posti di lavoro industriali persi.

La Francia non è l'unico paese a soffrire di questa deindustrializzazione: la Spagna e l'Italia, fortemente colpito dalla crisi economica del 2009, hanno visto il crollo dell'occupazione nel settore industriale e delle costruzioni.

Il settore industriale impiega solo 3,1 milioni di persone, e solo il 12% delle attività in Francia (al netto delle costruzioni), contro il 20% nel 1989. Nello stesso periodo, l'agricoltura è diminuita ( dal 5% al ​​2% ), mentre il settore terziario (commercio, trasporti, alla ristorazione, finanza, immobiliare, amministrazione, salute, istruzione ...) è costantemente aumentato 67-79% degli attivi. I posti di lavoro nell'industria sono diminuiti dal 20 al 12% in venticinque anni soppiantati dai servizi


Questi numeri sono a volte finzione, dal momento che una parte dei posti di lavoro industriali hanno infatti passato al settore terziario: temporanea, ampiamente usato come una variabile di aggiustamento nelle fabbriche, in tal modo considerato come un lavoro servizio e non produttiva. Secondo un rapporto del 2010 dalla Direzione Generale del Tesoro, il 25% delle perdite di posti di lavoro nel settore può essere spiegato con il trasferimento di servizi. La relazione sulla de-industrializzazione in Francia tra il 1980 e il 2007, gli incrementi di produttività (requisiti del lavoro di modernizzazione e la riduzione) sono responsabili per il 29% delle perdite di posti di lavoro - e addirittura il 65% negli ultimi anni tra il 2000 e il 2007. e ', tuttavia, più difficile stimare l'effetto della concorrenza internazionale ( forse il 28% delle perdite di posti di lavoro tra il 2000 e il 2007, ?).

Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio