L'intervento militare britannico in Libia


L'intervento militare britannico in Libia nel 2011 fu deciso su "false premesse" accusano i parlamentari UK in un rapporto pubblicato il 14 settembre. La Commissione Affari Esteri di Westminster ha trovato diversi errori nel processo decisionale che ha portato Londra ad intervenire militarmente nel paese insieme a Francia, ufficialmente per proteggere i civili repressi da Gheddafi. "[Il governo britannico] non era in grado di verificare la vera minaccia che il regime di Gheddafi portava verso i civili; salvo alcuni elementi della retorica di Gheddafi; e non era riuscito a identificare le fazioni radicali islamiche all'interno della ribellione." La strategia del Regno Unito in questo caso "è stata fondata (...) su un'analisi parziale della prova", insistono i parlamentari. L'esecutivo avrebbe preferito altre opzioni che avrebbero portato a risultati migliori, riassume il presidente del comitato, Crispin Blunt. "L'impegno politico era di proteggere la popolazione, di cambiare e riformare il sistema a un costo inferiore per il Regno Unito e la Libia. Il Regno Unito non avrebbe perso nulla seguendo queste tracce, invece di concentrarsi esclusivamente su un cambio di regime con mezzi militari." L'ex primo ministro conservatore in carica quando, David Cameron, è direttamente implicato nel rapporto. Avrebbe anche dovuto sapere che gli islamisti radicali avrebbero approfittato della ribellione, dicono i parlamentari. Secondo loro la natura della rivolta non è stato correttamente analizzato da Londra. David Cameron è "in ultima analisi, responsabile per avere fallito nello sviluppare una strategia coerente in Libia," affermano i deputati. L'ex occupante del 10 di Downing Street ha rifiutato di testimoniare davanti alla commissione. Altri importanti uomini politici al contrario sono venuti a testimoniare: l'ex ministro della Difesa Liam Fox e degli Esteri William Hague e l'ex primo ministro Tony Blair. Quest'ultimo ha detto di aver contattato telefonicamente Muammar Gheddafi nel febbraio 2011 per cercare di convincerlo a cedere il potere. "Non abbiamo visto prove che l'allora primo ministro David Cameron abbia cercato di utilizzare i contatti Blair", spiegano i deputati nella loro relazione. Da cinque anni, dopo il crollo e la morte del precedente padrone della Libia, il caos continua a regnare nel paese, ricco di petrolio, dove il governo di unità nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite controlla a mala pena un terzo del Paese dalla sua installazione in marzo a Tripoli. Il fallimento della transizione post-Gheddafi in Libia è anche una questione delicata negli Stati Uniti, dove Hillary Clinton ha dovuto affrontare le accuse dopo l'attacco alla sede diplomatica degli Stati Uniti a Bengasi nel 2012, in cui l'ambasciatore americano Christopher Stevens e altri tre americani sono stati uccisi. L'attuale candidato presidenziale democratico, che era Segretario di Stato del presidente Barack Obama al momento dei fatti, ha dovuto testimoniare davanti al Congresso e l'opposizione repubblicana ha denunciato uno scandalo politico. Si sospetta che vi fosse un tacito accordo per una fornitura di armi (ma non è possibile dimostrarlo).

Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio