San Gottardo e Tav a Brescia: un aiuto per la Lombardia

Sopralluogo della Commissione speciale in Canton Ticino. Ma rimane il nodo della Chiasso-Monza. L'hanno testata personalmente e hanno conosciuto più da vicino le infrastrutture e la tecnologia che la supportano: la galleria di base del San Gottardo apre l'11 dicembre e questa settimana è stata percorsa anche da una delegazione composta dalla Commissione speciale Rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica. "I passeggeri ci metteranno 20 minuti per percorre la galleria, lunga 57,1 chilometri. I treni merci 35 minuti - riassume Luca Gaffuri, segretario della Commissione -. D'altra parte, sono stati investiti 20 miliardi di euro e sono state coinvolte molte imprese italiane. Aspetto importante: a regime, da Chiasso, si prevede che passino 200 treni, ovvero uno ogni 7,2 minuti". Per Gaffuri si tratta di "un'importantissima opera per la competitività del nord ovest italiano e in particolare della Lombardia. Inoltre, obbligherà a trasportare buona parte delle merci su ferro e abbatterà i tempi di percorrenza verso l'Europa del nord. Voglio solo ricordare che con la realizzazione della galleria del Ceneri si andrà in 3 ore da Milano a Zurigo". Naturalmente, qualche fronte aperto dal lato italiano del confine rimane: "Visto l'aumento del passaggio dei treni sulla Chiasso-Monza, sarà fondamentale che, considerata la scelta di non realizzare il quadruplicamento dei binari, si assicuri il perfetto funzionamento del sistema di segnalamento ravvicinato per evitare che vada in tilt".

Il premier Matteo Renzi sarà a Brescia il 10 dicembre per inaugurare l’era dei treni a alta velocità tra la città e Milano. «La stazione dell’alta velocità a Brescia la inauguriamo il 10 dicembre, dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre. Tutti pensavano che come i vecchi politici di professione l’avrei inaugurata il 3 dicembre, il giorno prima del referendum. Ma non è così». Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel corso della presentazione del piano industriale 2017-2026 di Ferrovie dello Stato. I 58 chilometri di Tav permetteranno di andare da Milano a Brescia (e viceversa) con un notevole risparmio di tempo: le città saranno collegate in 31 minuti.

Vista l’operazione, alla stazione di Brescia è stato rifatto il look con nuovi pannelli e ascensori. Gli attuali 7 binari diventeranno 16 di cui 13 serviti da marciapiede, i primi 7 saranno dedicati ai treni regionali, il decimo e l’undicesimo all’alta velocità, quelli dal tredicesimo al 16esimo alla linea che congiunge Brescia a Parma e Cremona. Trenord ha già inaugurato la nuova biglietteria e sono stati completati i nuovi passaggi pedonali.Nel 2017 il sottopassaggio tra la stazione e la metropolitana

A fine 2017 arriverà anche il sottopasso che collegherà direttamente la stazione dei treni di Brescia a quella della metropolitana. Per non arrivare in ritardo di un solo minuto sul cronoprogramma e finire il sottopasso il prima possibile, la società Brescia Infrastrutture ha deciso di pubblicare il bando sulla Gazzetta ufficiale: «Il progetto esecutivo è pronto, aspettare significherebbe perdere solo del tempo». Regole, cifre e scadenze sono scritte in sei pagine: i cantieri dureranno 270 giorni. La fattura: 2 milioni, 520.443 euro e 78 centesimi.

Archivio