Trump punge Gentiloni sui finanziamenti alla Nato : "Devi pagare" "You will pay"


Il 20 aprile (UPI) - Il presidente Donald Trump ha accolto il primo ministro italiano Paolo Gentiloni alla Casa Bianca giovedì, dove i due leader hanno discusso una moltitudine di questioni, tra cui la lotta al terrorismo.

Gentiloni, primo ministro italiano dal dicembre, è l'ultimo leader straniero a visitare il nuovo presidente americano nella Casa Bianca, dalla sua inaugurazione a gennaio.

Durante una conferenza stampa congiunta, Trump e Gentiloni si sono scambiati parole di reciproca stima. I leader, però, non avevano lo stesso parere su ogni tema.

Gentiloni ha dichiarato che il suo governo intende rassicurare che soddisferà i suoi obblighi finanziari per quanto riguarda la NATO - un tema che Trump ha ripetutamente sollevato. Lo standard (di spesa negoziato a suo tempo) è che ogni nazione membro NATO debba investire circa il 2% del proprio prodotto interno lordo nella difesa nordatlantica. L'anno scorso l'Italia ha speso un po' più dell'1% (23 miliardi di dollari) a tale scopo - anziché i 43 miliardi di dollari che rappresenterebbero il 2% del suo PIL.

"L'impegno è stato mantenuto", ha detto il premier italiano. "Siamo abituati a rispettare i nostri impegni. Ma "questo sarà un processo graduale".

"Mi piace la domanda che hai rivolto al primo ministro", ha detto Trump a un giornalista che ha chiesto a Gentiloni se abbia intenzione di soddisfare la soglia del 2% quest'anno. "Non vedo l'ora della sua risposta, perché io lo chiederò molto presto!"

Nel 2016, gli Stati Uniti hanno speso quasi il doppio dell'importo che dovrebbero corrispondere - cioè 608 miliardi di dollari - e la Gran Bretagna oltre 6 miliardi di dollari in più. Molti altri alleati europei, tra cui la Germania e il Canada, non hanno soddisfatto le famose linee guida del 2 per cento.

I leader hanno anche parlato di terrorismo e sicurezza. Gentiloni ha affermato di pensare che, come prima cosa, tutti gli alleati occidentali debbano condividere l'onere della crisi dei migranti, e in particolare quella relativa ai migranti dalla Libia.

"Non vedo un ruolo americano in Libia" risponde Trump. "Abbiamo già abbastanza impegni, abbiamo un ruolo praticamente ovunque nel mondo".

I due si rimpallavano l'un l'altro sul terrorismo, impegnandosi a continuare a combattere contro il gruppo militante dello Stato islamico (ISIS).

"Tutte le nazioni devono condannare questo nemico barbaro" e lavorare alla sua "totale e completa distruzione", ha concluso Trump.

Altri argomenti trattati sono stati: L'UE propone di sostenere la Libia per affrontare la crisi dei migranti. Gentiloni ha detto che la sua forza militare, che ha precedentemente aiutato le forze USA in Iraq e Afghanistan, non è molto coinvolta in Siria e non ha intenzione di cambiare questo approccio.

Alla conferenza stampa Trump ha anche affermato di pensare che il Congresso farà uno sforzo aggiuntivo per abrogare e sostituire la famosa legge sull'Affordable Care (il servizio sanitario nazionale promosso dall'amministrazione di Obama) e evitare quindi una paralisi del governo - prima che i suoi primi 100 giorni passino, la settimana prossima.

Altri leader stranieri che hanno già reso visita a Trump alla Casa Bianca sono il PM britannico Theresa May, il PM giapponese Shinzo Abe e il canadese PM Justin Trudeau. Il presidente messicano Enrique Pena Nieto, tuttavia, non ha ancora incontrato Trump in persona (c'è in ballo la questione del famoso 'muro' al confine col Messico... ndt).




http://www.upi.com/Top_News/US/2017/04/20/Trump-jabs-Italian-PM-Gentiloni-on-meeting-financial-NATO-obligation/7261492693309/




Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano