Le menzogne dell'automobile al centro della campagna elettorale tedesca


All'avvicinarsi delle elezioni legislative Angela Merkel e il suo rivale socialdemocratico convergono contro il settore strategico dell'automobile, dopo la frode 'del dieselgate', per rassicurare i tedeschi che temono di dover pagare in prima persona per le bugie dell'industria. Ma il cancelliere conservatore e Martin Schulz devono trovare il giusto equilibrio tra la difesa dei proprietari di auto diesel danneggiati e salvare un settore con 800.000 posti di lavoro diretti, e ristabilire le responsabilità degli industriali e dei politici recidendo i legami e gli interessi comuni, notano gli analisti. "L'industria nociva (ormai) deve cambiare" promette di essere un ritornello della campagna", ha dichiarato Nils Diederich, professore di scienze politiche presso la Libera Università di Berlino.

Angela Merkel è passata all'offensiva sabato scorso dopo essere stata criticata per il suo silenzio quando la stampa ha rivelato nel luglio di sospetti di cartello tra Volkswagen e le sue controllate Audi e Porsche e Daimler e BMW. "Interi settori dell'industria automobilistica hanno minato una incredibile quantità di fiducia dei consumatori, per cui "devono essere adottate misure", ha rilanciato la Cancelliera per le elezioni del 24 settembre. Martin Schulz ha stigmatizzato i "boss" irresponsabili". "I conducenti con auto diesel in Germania non dovrebbero pagare il conto per la loro irresponsabilità", dice, mentre gli automobilisti temono davvero di dover pagare per rendere i loro veicoli meno inquinanti. Il socialdemocratico ha anche proposto di introdurre una quota europea di automobili elettriche, un'idea respinta da Merkel che vuole incoraggiare gli investimenti in tecnologie più pulite, opzione trascurata da parte dei gruppi tedeschi. Ancora, secondo i commentatori, questi discorsi sono pura ipocrisia dati i legami tra i due maggiori partiti, Merkel CDU e Schulz SPD, con i giganti dell'automobile. "Non stanno per vincere un sacco di nuovi sostegni, il pubblico tedesco è consapevole della stretta relazione tra l'industria automobilistica e le politiche", dice Carsten Brzeski, Chief Economist di ING Diba.


La "Cancelliera dell'automobile"

Secondo un sondaggio pubblicato all'inizio di agosto, il 57% degli intervistati ha perso fiducia nel settore e due terzi considerano i politici e l'industria automobilistica troppo vicini a scapito degli interessi dei cittadini. Il verdetto è ancor più grave in quanto cade proprio dopo un "summit diesel" organizzato dal governo, dove è emerso un impegno dei produttori per ridurre le emissioni inquinanti, adattando a loro spese il software di oltre 5 milioni di veicoli diesel in Germania. La riunione è stata organizzata per paura che le città danneggino le automobili diesel. Ma per molti esperti, le soluzioni proposte restano superficiali.


"La critica (dalla signora Merkel alla automobile) è molto dura, è vero. Ma in realtà è senza "nessun cambiamento". Non ci sono misure concrete (...) è solo un tentativo di sgonfiare (il tema) per il legislatore", denuncia nella stampa il capo dell'organizzazione ambientalista Deutsche Umwelthilfe, Jens Resch. Prima della sua rielezione nel 2013, alla Merkel è stato assegnato il titolo di "cancelliere dell'automobile", dopo aver combattuto a Bruxelles contro una proposta di riduzioni di emissioni di inquinanti gassosi voluti dall'UE. Un impegno di una donazione di quasi 700.000 euro dalla famiglia Quandt, principale azionista di BMW, al partito della Merkel, CDU. La SPD non sfugge comunque alle critiche. Nel Land della Bassa Sassonia, un azionista col 20% di Volkswagen, Stephan Weil (SPD), ministro presidente della regione, è sotto il fuoco dell'attenzione pubblica dopo aver autorizzato VW a correggere uno dei suoi discorsi in autunno 2015, in pieno dieselgate. Per Carsten Brzeski, il prossimo governo dovrà "assumere un ruolo più importante" in un momento in cui il settore automobilistico dovrà distanziarsi dal diesel, una vera e propria rivoluzione in Germania. Ma a quel punto sarà l'AfD, partito populista di destra, a sventolare la bandiera in difesa del diesel, denunciando "una caccia alle streghe".


Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano