Il trucco che potrebbe minare il mercato unico: l'Italia ignora l'UE sulle etichette di tras


Dopo aver ripetutamente ignorato gli avvertimenti della Commissione europea, l'Italia ha promulgato la sua legge sull'etichettatura d'origine obbligatoria, una mossa che i critici sostengono indebolisca il mercato unico, mini l'autorità dell'UE e potrebbe significare grandi multe per i produttori .


Lettere ed e-mail tra la Commissione europea e il governo italiano viste da FoodNavigator mostrano che la Commissione ha ripetutamente avvertito l'Italia che la sua legge che impone ai produttori di alimenti di elencare i nomi di fabbrica e gli indirizzi sul pacco è contraria al diritto dell'UE.


Nonostante gli avvertimenti della UE, la legge italiana è ormai arrivata ad un punto per cui il suo rispetto implica l’emissione di sanzioni fino a 18.000 euro a favore dei produttori in caso di violazione provata del vigente regolamento su ‘Etichette e marchi di qualità dei prodotti agroalimentari’


Che cosa l'Italia ha nascosto nella sua legge


Quando gli Stati membri della UE desiderano introdurre una nuova legge nazionale, sono tenuti a notificarlo alla Commissione in modo che questa possa garantire che la nuova legge non contravvenga alle norme dell'UE.

L'Italia ha notificato alla commissione la sua proposta di legge, la quale ha espresso un parere negativo in quanto sarebbe contraria al regolamento UE sull'informazione alimentare ai consumatori. L'Italia ha quindi ritirato la misura dall'ambito UE, ma ha comunque provveduto a pubblicarla nella Gazzetta ufficiale italiana senza informare la Commissione. Una lettera della Commissione all'ambasciatore italiano presso l'UE afferma che è stata "resa consapevole delle informazioni di pubblico dominio" sul fatto che l'Italia aveva adottato il decreto sull'etichettatura obbligatoria da parte dei produttori.


Quando l'Italia ha tentato di notificare alla commissione il suo regolamento in base a una diversa disposizione, solo per farla respingere nuovamente dalla Commissione, ha poi affermato che il regolamento in oggetto non sarebbe nuovo, e quindi dovrebbe essere considerato ai sensi dell'articolo 114, paragrafo 4, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE).

Questo articolo consente agli stati membri di introdurre misure nazionali che si ritengono necessarie per mantenere un'area armonizzata (in questo caso l’area del commercio di prodotti nazionali). Secondo l'esperto di diritto alimentare e amministratore delegato di Hylobates Consulting Luca Bucchini, questa procedura aveva "poca credibilità" giuridica ma nondimeno dava il vantaggio di guadagnare tempo per altri sei mesi (all'Italia).


Il rifiuto finale è arrivato il 30 gennaio con una lettera firmata da Vytenis Andriukaitis, secondo la quale la notifica non rientrava nel campo di applicazione dell'articolo 114, paragrafo 4, rendendolo "inammissibile". “La Commissione non esaminerà quindi la sostanza della notifica”, ha affermato.

“Misure come questa distruggono il mercato unico”


Che cosa significa questo tiro alla fune tra Italia e UE? Bucchini mette in chiaro i termini:

“Misure di questo tipo distruggono il mercato unico. Tale sfacciataggine rispetto al diritto dell'UE è molto raro e più comunemente associato alla Polonia e all'Ungheria. Ma la combinazione delle argomentazioni legali e sostanziali molto deboli e degli stratagemmi utilizzati rende questo tipo di outing quasi unico.”

“La Commissione è stata paziente con l'Italia, in questo caso, ma le aziende europee stanno ormai perdendo fiducia nella sua capacità di proteggere lo stato di diritto. Ciò danneggia l'UE, ma anche le imprese alimentari italiane, che fanno affidamento sul mercato unico.”

“Gli stati membri dell'UE, dal nord e dal sud - Danimarca, Germania, Spagna e altri - in formale opposizione alle misure italiane - sono rimasti scioccati e sconvolti dalla misura, e ciò nonostante lo stratagemma di pubblicarlo comunque”.


Fuori dalla legislazione dell'UE, al di fuori dell'UE...?


FoodNavigator ha contattato Federalimentare, l'associazione commerciale nazionale del paese e le autorità italiane, ma non è stato in grado di confermare se alcuni produttori sono già stati multati, né se il governo intende mantenere la legge in vigore.

Secondo la giurisprudenza della Corte di giustizia europea sulle precedenti misure nazionali che sono state respinte dalla Commissione, tuttavia, queste leggi ‘canaglia’ non sono applicabili, anche se formalmente sono pubblicate in gazzetta ufficiale da parte dei governi.

Bucchini sta quindi esortando i giudici italiani a non multare i produttori. Le autorità corrono il rischio di dover pagare le spese legali e possibilmente i danni se cercano di far rispettare il regolamento, ha detto.

FDE: “Questo stabilisce un precedente pericoloso”

Un portavoce dell'associazione di categoria dei produttori FoodDrinkEurope (FDE) ha affermato che è “evidentemente delusa” che la legge sia entrata in vigore nonostante gli avvertimenti della Commissione.

A dicembre dello scorso anno, la FDE ha presentato una denuncia ufficiale del decreto sulla produzione dell'Italia nonché sui decreti sull'etichettatura di origine [vedi sotto] in base al fatto che il governo italiano non ha seguito le regole e le procedure adeguate (in ambito giuridico UE).

“È seriamente preoccupante se i singoli stati membri ignorano queste proceudre e vanno avanti indipendentemente, poiché costituiscono un pericoloso precedente e portano a un'ulteriore frammentazione del mercato unico. Confidiamo che la Commissione continuerà a utilizzare tutti i mezzi per invertire questa situazione inaccettabile”, ha aggiunto il portavoce.


Non così COOL: l'UE controbatte


Un altro elemento della battaglia per l'etichettatura dei prodotti alimentari in Italia è il recente nuocere della legislazione sull'etichettatura dei paesi d'origine (COOL) per i prodotti lattiero-caseari, il grano per pasta e il riso, i pomodori trasformati e i prodotti a base di pomodoro.


Nel tentativo di arginare questa vera e propria ondata di etichettatura di origine nazionale - Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna hanno pure introdotto le rispettive norme nazionali sull'etichettatura di origine per vari prodotti come il latte e la carne trasformati - la settimana del 16 aprile la Commissione ha ottenuto il sostegno di una maggioranza qualificata di Stati membri per il suo atto di attuazione sull'etichettatura di origine dell'ingrediente principale negli alimenti.

L'atto stabilisce le regole all'articolo 26, paragrafo 3, del regolamento n. 1169/2011 relativo alle informazioni sugli alimenti per i consumatori (FIC), chiarendo che cosa possono scrivere i produttori sulla confezione quanto al luogo di provenienza o al paese di origine dell'ingrediente principale - pomodori dalla Cina, ad esempio - diversi dal prodotto nel suo insieme - per esempio, le lasagne dall'Italia.


La dicitura suggerita è: "[Nome dell'ingrediente primario] non proviene da [il paese di origine o il luogo di provenienza dell'alimento]" o una frase simile che potrebbe avere lo stesso significato per il consumatore.

I produttori possono scegliere quale denominazione geografica scrivere, con opzioni che includono il paese, la regione, l'area di sosta e infine "UE" o "non UE".

Clicca qui per leggere cosa hanno detto alcuni dei 143 stakeholder che hanno dato un feedback sul regolamento.


La Commissione ha dichiarato: “L'obiettivo è garantire che le informazioni sull'origine di un alimento siano fornite in modo da non ingannare il consumatore e sulla base di criteri chiari che garantiscano un piano equo di gioco per l'industria e migliorino la comprensione dei consumatori circa le informazioni relative all'origine degli alimenti”

Questa combinazione di etichettatura di origine volontaria e obbligatoria sarebbe “il modo più adatto per progredire a livello della UE” e garantirebbe un elevato livello di trasparenza per quanto riguarda l'origine degli alimenti sul mercato dell'UE, ha affermato la Commissione.

Il regolamento, che non si applica ai sistemi di qualità europei come l'Origine protetta (DOP) o l'indicazione geografica protetta (IGP), offre ai produttori di alimenti un periodo di grazia di due anni per rendere i loro prodotti conformi prima che diventi legge il 1 ° aprile 2020.


In una dichiarazione che accompagna l'atto, la Commissione ha nominato l'Italia e le sue norme nazionali.

“Gli atti giuridici adottati dalle autorità italiane nelle indicazioni di origine del cibo per gli alimenti collegano l'applicazione delle loro disposizioni alla legge di esecuzione della Commissione. Pertanto, ci si può aspettare che la legge di attuazione fornisca norme armonizzate applicabili anche in Italia. Ciò dovrebbe ridurre la necessità di ricorrere ulteriormente alle disposizioni nazionali che disciplinano l'indicazione dell'origine”.


L'associazione che rappresenta gli interessi degli agricoltori e dei produttori italiani, la Coldiretti, tuttavia, non sembra convalidare questo argomento.

Ha sbattuto la porta in faccia alla Commissione rinfacciandole di “[perdere] l'opportunità di combattere la contraffazione del cibo con un'etichettatura trasparente che indichi obbligatoriamente l'origine degli ingredienti utilizzati in tutti gli alimenti”.

Ha anche aggiunto che la legislazione nazionale di ‘avanguardia’ dell'Italia sull'etichettatura di origine sarà presto rafforzata (il 9 maggio) con ulteriori sanzioni volte a comminare ammende da € 2.000 a € 16.000 verso le imprese (straniere) inadempienti o fraudolenti.




Qui il link con l'opinione della Coldiretti sullo stesso tema, in occasione del convegno di Parma, Cibus

"Cibus, il falso Made in Italy sale a 70 mld, +70% in 10 anni"






Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio