I grafici che mostrano perchè l'Italia è così importante per l'Europa.


L'Italia è un membro fondatore dell'UE e gli italiani sono stati forti sostenitori del progetto europeo. Ma con la stagnazione economica che alimenta i sentimenti anti-europei, il paese è diventato forse il più grande problema economico dell'Europa. Il Movimento a cinque stelle e la Lega con un governo di coalizione, sarebbe il più apertamente euroscettico in una delle maggiori potenze dell'UE. I numeri sull'economia italiana mostrano la posta in gioco per il paese e per l'Europa. La formazione di un "governo genuinamente populista rappresenterà una sfida significativa per l'UE nel suo insieme", ha detto al FT Nicola Nobile, economista di Oxford Economics. Innanzitutto c'è la vastità dell'Italia. È la quarta più grande economia dell'UE, rappresentando da sola l'11% circa della produzione totale e il 12% della popolazione.

L'Italia è anche un importante pilastro della produzione dell'UE. Ha la seconda più grande base manifatturiera nell'UE; è fortemente integrato nella catena di produzione dell'UE; ed è il quarto esportatore dell'Unione.

Ma in termini di prestazioni l'economia italiana è lenta. La crescita è tornata nel 2014 e l'espansione economica sta accelerando. E l'Italia dovrebbe comunque finire in fondo alla classifica europea per crescita quest'anno.



Forse a causa della debole performance economica, l'Italia è anche la più grande fonte di euroscetticismo nella zona euro. Solo il 59% degli italiani è a favore dell'euro, il livello più basso tra i paesi che condividono la valuta comune. Circa il 54% degli italiani si sente cittadino europeo, il secondo più basso dopo la Grecia e di gran lunga il più grande in termini di popolazione totale. Solo il 37% degli italiani ha un'immagine positiva dell'UE, al di sotto della media UE. Si tratta di un calo di oltre 20 punti percentuali dal 2007, prima della crisi finanziaria. Fino ad allora l'Italia aveva segnalato uno dei più forti livelli di attaccamento all'UE.

Alcuni dei problemi dell'Italia sono anche di dimensioni molto più grandi rispetto alle precedenti minacce alla stabilità dell'UE. Prendiamo la Grecia, dove nel 2015 è stato eletto un governo Syriza ostile a molte norme dell'UE, e dove una lunga crisi economica ha assorbito un'enorme attenzione internazionale, incluso un salvataggio dei creditori. La crisi greca ha evidenziato il più alto rapporto debito tra UE e prodotto interno lordo - circa il 200%. In Italia il rapporto è inferiore, al 130%, ma in euro il debito pubblico italiano è il più grande dell'UE. Non potrebbe mai essere salvato allo stesso modo di Atene.



La soluzione dei problemi bancari in Italia è anche una questione diversa rispetto ad altri paesi. Il sistema bancario italiano presenta livelli più bassi di prestiti in sofferenza in proporzione al totale dei prestiti rispetto a Grecia, Portogallo e Cipro, ma l'Italia non ha rivali in termini assoluti. Nonostante il calo dei crediti inesigibili nel sistema bancario, dal giugno dello scorso anno, l'Italia rappresenta ancora il 26% dei prestiti in sofferenza nell'area dell'euro. "L'Italia non può semplicemente scegliere di uscire dall'UE o perseguire un'agenda dichiaratamente anti-UE senza infliggere danni economici significativi ai vicini e al più ampio sistema bancario europeo", ha affermato Nobile.


Lo stesso ragionamento si applica all'economia in generale e ad altri aspetti delle relazioni dell'Italia con l'UE. Ci sono tre volte più italiani senza lavoro di quanti sono i greci, e l'Italia ha il maggior numero di persone dell'UE che sono fuori dalla forza lavoro - forse perché non sono in grado o non vogliono lavorare o sono troppo scoraggiate per cercare lavoro.




Copyright The Financial Times Limited 2018. All rights reserved.





Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano