Fillossera: l'Attila delle viti

Il ciclo biologico della Fillossera, essendo un insetto monoico ed eterotopo, si sviluppa interamente sulla vite americana, mentre sulla vite europea compie un anolociclo con sole generazioni radicicole.

Ciclo completo sulla vite americana L'afide sverna allo stadio di uovo, sui tralci e sui fusti; in primavera (aprile-maggio) nascono femmine partenogenetiche (FONDATRICI) che pungono le giovani foglie, provocando la formazione di galle; all'interno di queste galle si svilupperanno nuove femmine partenogenetiche che continuano il loro ciclo sulle foglie, producendo nuove galle (gallecole). Da queste galle escono sempre femmine partenogenetiche, di queste: - alcune, con il rostro più corto, saranno destinate a continuare le generazioni fogliari (da 6 a 8); - altre, con il rostro più lungo, lasciano le foglie e si portano sull'apparato radicale, dove iniziano le generazioni (8-10) di RADICICOLE. Queste generazioni si svolgono contemporaneamente a quelle delle gallecole; ogni generazione di gallecole, successiva alla seconda, origina delle FONDATRIGENIE a rostro lungo che migrano sulle radici. Alla fine dell'estate l'ultima generazione di radicicole origina femmine SESSUPARE alate che migrano verso l'apparato aereo, dove origineranno gli ANFIGONICI; questi si accoppiano e producono l'uovo svernante.




Oggi è difficile immaginare che un afide di meno di 0,50 mm possa devastare milioni di ettari di vigneti, sconvolgendo la cultura tradizionale del vitigno europeo: vitis vinifera ... filossera. Questo afide coinvolge centinaia di scienziati, provoca alle regioni vinicole del mondo danni incalcolabili, costringendo migliaia di agricoltori al fallimento ed ad abbandonare i loro campi e sconfigge tutti i metodi escogitati per distruggere ... la bestia è sopravvissuta a tutti i trattamenti e continua a proliferare e certamente per un tempo molto lungo in tutte le tenute vinicole del mondo con poche eccezioni (Cile, Cipro ..). Un riassunto di questa invasione ci consentirà di comprendere meglio l'evoluzione di questa disastrosa proliferazione.Nel 1845 la vite europea è attaccta da un fungo OIDIUM. Rapidamente la tecnica dello zolfo supera la crittogama. Nel 1855 questo pericolo è sconfitto. La vigna francese ha un decennio di crescita e opulenza. Alcuni vivai e collezionisti vigneti Floirac, Roquemaure, Prigny Svizzera, Cognac, importano negli anni 1855/1863 alcune piante americane per acclimatarle alle nostre regioni e, eventualmente, e verificarne l a resistenza alla la muffa.

La progressione del fenomeno è misurabile e inesorabile .

La progressione dell' epidemia è misurabile (circa 15 km all'anno) e inesorabile. Viticoltori della Gard, il Bouches-du-Rhône e Vaucluse sono rivolte alla centrale società agricola di Herault (SCAH) per aggirare il disastro. Tre esperti vengono inviati sul posto: Planchon, Bazille, Sahut. Vedono l'entità del danno. 15 Luglio 1868 a Saint Martin du Crau dopo aver esaminato i ceppi morti hanno l'intuizione di strappare una vite ancora viva per osservare le radici. Con loro grande sorpresa scoprono con lente di ingrandimento migliaia di piccole macchie gialle sulle radici della vite. Nessun dubbio: è un afide, è la causa del disastro. Ritornati a Montpellier, lanciano l'allarme che si diffonede in tutte le regioni già colpite. Ogni volta, stessa osservazione. La Bestia è brulicante, brulicante nei ceppi ancora vivi.

"Trasportata dal vento colonizzerà e invaderà nuovi vigneti"

Questa prima scoperta ne porterà molti di più. Planchon chama la Bestia Phylloxera vastatrix (foglio secco) ... Dotato di un potente rostro lei succhia radici come una siringa conficcata nel legno fino ad esaurimento totale della linfa. Poi migra verso altre radici sane. Il suo ciclo riproduttivo è diabolico: partenogenesi, generazione di uova sessuate e non sessuali o accoppiamento con maschi la cui unica funzione è la riproduzione. In un mese, in primavera, molte generazioni si moltiplicano . Il ciclo completo si conclude in agosto con le forme alate trasportate dal vento che colonizza e invade le nuove viti e con la deposizione di un uovo invernale protetto sotto la corteccia della vite che darà vita ad un forma femminile che inizierà questo ciclo deponendo diverse centinaia di uova ... È da diversi milioni che l'afide si riproduce in pochi mesi.


Ma quali furono nel frattempo i metodi tentati per arginare il flagello? Si tentarono molte strade, dal solfuro di carbonio iniettato nel terreno per uccidere le gallicole sulle radici, alla sommersione dei vigneti per distruggere tramite asfissia le gallicole ibernanti (cosa praticabile naturalmente solo in zone pianeggianti e irrigabili), e in ultimo all'insabbiamento delle vigne, dato che si notò che in terreni sabbiosi di particolare origine (marina) la fillossera era molto meno virulenta se non addirittura incapace di svilupparsi. Ma il vero passaggio risolutivo si ebbe quando si comprese che la immunità radicale sviluppata da alcune specie americane poteva essere utilizzata per costruire una pianta bimembra con piede americano ma apparato vegetativo e riproduttivo europeo. Di qui la ricerca delle varietà americane più affini all'innesto e di quelle maggiormente tolleranti al calcare a cui la vite europea era molto resistente. Un immenso lavoro si compì in quegli anni che videro intere regioni viticole ricostruite con le nuove barbatelle bimembre. La viticoltura conosciuta da tutto il mondo antico, medievale e dell'epoca dei lumi era scomparsa per sempre. Nasceva la nuova viticoltura.


In preda alla disperazione, diversi ricercatori tra gli cui scopritori Planchon e Bazille suggeriscono di trattare il male con il male. Era stato osservato che, nelle terre dove prosperava, le piante americane lontane dal morire erano, al contrario, vigorose e sane. Da qui l'idea di ripiantare la vite americana. Ci vorrà un sacco di tempo e ricerche, molte prove ed errori per ammettere questa innovazione.

Lo stato finanzierà dei corsi sulla tecnica di innesto su tutto il territorio nazionale.Ma le spiegazioni cominciano ad emergere: la vite americana resiste alla Bestia. In effetti, un equilibrio tra afide e radici della vite gli permetteva di proliferare normalmente. Allo stesso tempo, i ripetuti fallimenti di piantare viti europee sulla costa orientale degli Stati Uniti diventavano comprensibili. Esse erano divorate dalla fillossera e sopravvivevano solo pochi anni ... Questo spiegava anche che l'afide importata in Francia da piante americane trovarono i vitigni francesi indifesi e teneri come il burro . Sfortunatamente il vino prodotto dalla maggior parte delle varie razze di viti americane aveva un gusto disgustoso (odore di urina di volpe) non molto favorevole ai nostri palati. Questo è quando abbiamo reinventato il trapianto. Sui portinnesti americani molto resistenti alla fillossera, abbiamo innestato nel sud i vitigni autoctoni francesi. Dopo migliaia di test più o meno conclusivi, alcuni ibridi sono risultati molto positivi (Riperia, Rupestri). Il sapore del vino ha mantenuto tutte le caratteristiche organolettiche dell'innesto, senza assimilare difetti del portainnesto.

"Allora può iniziare il doloroso e costoso lavoro di ricostruzione del vigneto"

Era ora, perché nel 1879 la produzione totale dei vigneti francesi scende a 25 milioni di ettolitri, mentre la produzione media prima dell'invasione della fillossera oscillava fra 40 anni a 70 milioni di ettolitri. Poi può iniziare il lavoro noioso e costoso della ricostruzione dei vigneti che termina in Champagne raggiunto dalla Bestia nel 1895 dopo la guerra del 14-18. Alcuni viticoltori nostalgici periodicamente provano a ripiantare viti autoctone Europe: dopo diversi anni di crescita normale, la bestia sniffa nuova avidità, attaccando con le sue ventose i vigneti indifesi dopo un decennio. Le conseguenze di questa piaga per l'industria vinicola francese sono state innumerevoli. Dopo il 1900 la fisionomia della vigna è sconvolta. Nel 1875 in Francia c'erano circa 2,5 milioni di ettari coltivati ​​a vite. Nel 1903 rimangono solo 1,70 milioni. Nel sud della Francia, la vigna ha abbandonato le pendici per stabilirsi nelle pianure. Il vitigno scompare definitivamente nel bacino di Parigi e in alcune regioni del Centro e del Sud-Ovest.



Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano