Contro chi protestano veramente i "gilet gialli"...


Chi rappresenta i "gilet gialli", questo movimento decentrato all'estremo, composto da centinaia di iniziative locali, presentato come apolitico? Cosa vogliono, in pratica? Il ritorno delle tasse sul carburante al loro livello precedente ? Una diminuzione ancora più sostanziale? La diminuzione del numero di radar...? Il ripristino del limite di velocità di 90 km / h sulle strade nazionali...?


Un movimento più ampio È interessante immergersi nei molti - e ineguali - video che registrano la mobilitazione del 17 novembre. Condivisi decine di migliaia di volte, spesso hanno titoli in maiuscolo (rabbia) pieni di punti esclamativi !!!! (Indignazione). Alcuni chiamano semplicemente all'insurrezione, altri si accontentano del movimento dell'umore puntuale.

Un punto comune, però. Il risentimento non riguarda solo il portafoglio. L'aumento delle tasse è la goccia di carburante che trabocca dal serbatoio. Quello del disprezzo di "Parigi" da parte delle "regioni". Contro il governo centrale, che sarebbe solo da città con metropolitane, autobus, taxi (e ora scooter elettrici), destinati a incubare start-up in un ambiente "sano" e "positivo pensare". Lontano dai "ragazzi che fumano sigarette e che guidano diesel", secondo l'espressione di Benjamin Griveaux. (Dopo aver inizialmente assunto questa uscita, il portavoce del governo alla fine lo negherà).

Più in generale, è uno sfogo contro una classe politica che sembra troppo parigina e troppo sconnessa. Un esempio? L'ingiunzione alla mobilità (meglio andare a cercare lavoro a poche decine di chilometri, invece di "foutre le bordel" suggerito Emmanuel Macron) è contraddetta dall'imposizione fiscale sul combustibile, l'aumento del prezzo dei biglietti ferroviari.

L'esecutivo può ripetere che riduce l'imposta sulla casa e i contributi dei dipendenti, ma questo non aiuta. Questo è un teorema ben noto: nell'opinione pubblica, un aumento delle tasse è attribuito al governo in atto; una goccia viene immediatamente dimenticata. Cosa riassume il ministro dei conti pubblici Gérald Darmanin: "Come diceva mia nonna, un pezzo ingoiato non ha più sapore". Lionel Jospin potrebbe testimoniare: nel 2000, non ha rimosso la vignetta impopolare e obbligatoria per gli automobilisti? Quanti elettori lo voterebbero nelle prossime elezioni?

C'è anche una ragione meno materialistica per la protesta. La sensazione confusa come identità locali vengono violate: gruppi di regioni, le modifiche ai nomi ( "Hauts de France" che cancella il Pas-de-Calais, Nord e Picardia), la scomparsa del numero di reparto obbligatoria su piastre registrazione ...


A tale riguardo, la scelta del "gilet giallo" come simbolo della sfida è interessante. In fondo, cos'è questo gilet giallo? Uno strumento imposto dal governo. È obbligatorio in tutte le auto dal 2008, pena una multa. I manifestanti e manifestanti del 17 novembre, quindi, hanno scelto un simbolo di "oppressione" dello stato contro gli autisti per tornare ... contro lo stato.

Se riassumiamo il cocktail esplosivo del 17 novembre, è un flop fiscale e una seccatura per l'onnipotenza dello stato centralizzatore. Una miscela di Poujade e Thoreau, incandescente nella rete di Mark Zuckerberg.



Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio