Reddito di cittadinanza: niente caos e file, buon bilancio al debutto


Una giornata “senza intoppi, senza file, senza caos”. Così ha commentato il vicepremier Luigi Di Maio in una diretta Facebook in merito al debutto del reddito di cittadinanza, ieri 6 marzo.

“È avvenuto tutto regolarmente e in maniera ordinata per questo voglio ringraziare tutti quelli che da oggi hanno iniziato a prestare questo servizio ai cittadini. È andato tutto bene. Oggi abbiamo visto le facce di tante persone normali, prima invisibili (…) nessuna coda chilometrica ma bufale diffuse ad arte.


Nel dettaglio sono state 44.125 domande pervenute a Poste italiane, di cui 8.492 online e 35.653 presso gli uffici postali, come riferito dal ministero del Lavoro. Le prime tre regioni per numero di richieste sono la Campania, la Lombardia e la Sicilia rispettivamente con 5.770, 5.751, 5.328.

Anche ai Caf l’attività è stata di poco superiore alla normalità anche la situazione è diversa sul territorio nazionale. Qualche criticità si segnala al Sud, in Sicilia, Puglia e Calabria, e in particolare in alcuni sedi di Catania, Cosenza, Castrovillari. Attività più intensa a Milano, Torino e Roma ma solo in alcune zone come Tiburtina e Prenestina, mentre nel Lazio, le maggiori presenze si registrano a Civitavecchia, Ladispoli, Cerveteri. Poche le domande in Liguria e Trentino. Il solo Caf della Cisl ieri ha elaborato 3.500 domande e fissato 14mila appuntamenti. La Regione che ne ha fatte di più è la Sicilia, 1.104, seguita dalla Campania con 500, mentre attraverso il sito www.redditodicittadinanza.gov.it invece sono state raccolte 8.492 domande.

Proprio nella giornata di ieri il direttore generale dell’INPS, Gabriella Di Michele, è stata in audizione alla Camera sulla conversione in legge del decreto su reddito di cittadinanza e pensioni.

Il reddito di cittadinanza avrà un forte impatto sia sotto il profilo di politica economica che sulla ridistribuzione della ricchezza tra le famiglie per le quali ci di attende una riduzione della povertà e un aumento dell’inclusione sociale (…) L’Inps ipotizza un tiraggio dell’operazione reddito di cittadinanza pari all’85%. Le risorse sono più che sufficienti. La consegna della carta sulla quale verranno accreditati i soldi avverrà a partire dal giorno 19 aprile, dopo che l’Inps avrà provveduto a rendere disponibili i primi esiti istruttori e i flussi dispositivi a decorrere dal 15 aprile”.



Reddito di cittadinanza in breve.

Il reddito di cittadinanza, conosciuto anche come reddito di base incondizionato, reddito di sussistenza o reddito minimo universale è, a tutti gli effetti, un reddito erogato dallo Stato, a intervalli di tempo regolari, ai cittadini che fanno domanda e che, ovviamente, rispondano a determinati requisiti e criteri necessari all’accesso.

Può essere erogato anche in presenza di altri redditi, in base alla normativa adottata da ogni Paese, quindi può essere elargito sia ai lavoratori che ai disoccupati.

Gli obiettivi

Si tratta di un intervento deciso per affrontare situazione di povertà che non va a minare gli incentivi al lavoro, tant’è che i cittadini che beneficiano del reddito di cittadinanza devono impegnarsi a seguire precisi percorsi volti a trovare un lavoro. È una misura che, inoltre, vuole valorizzare lo status di cittadinanza, residenza e appartenenza a una determinata comunità.

Rientra nelle riforme socio-economiche che puntano alla realizzazione di uno Stato in grado di distribuire in maniera, il più equa possibile, le risorse economiche.

La proposta M5S

Il reddito di cittadinanza è, da sempre, uno dei cavalli di battaglia cavalcato dal Movimento 5 Stelle di Casaleggio e inserito, ora che il movimento è al Governo con la Lega, nel Contratto con gli italiani e nella Legge di Bilancio 2019.

Nel nostro Paese è una misura aspramente criticata dalle opposizioni dalle quali viene visto come un’elemosina non risolutiva delle difficoltà in cui versano molti cittadini e che andrà a gravare, pesantemente, sulle casse dello Stato.


Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio

Altri link dell'arcipelago progressista lombardo...

Ti è piaciuto quello che hai letto...? Con questo blog istituzionale dei Progressisti Lombardi, CONTIAMO ANCHE SU DI TE per darci una mano per migliorare il nostro, che è anche il Tuo mondo progressista! Con un click puoi fare una donazione libera e aiutarci a condividere sul blog informazioni, studi, ricerche che ci aiutino a far crescere insieme l'ecosistema progressista lombardo!

© 2015 "Progressisti Lombardi" di Silvano Zanetti, Milano