1 Maggio in Francia: gilets jaunes, sindacalisti rossi, ecologisti sfilano assieme, ma non si amano.

E se la CGT fosse in errore...? Ha pensato di impegnarsi con il movimento dei "gilet gialli", cercando di scommettere sulla convergenza delle lotte. Ma si può sposare un gallo senza testa...?

È un'immagine che rimarrà nella storia del sindacalismo. Philippe Martinez, il leader della CGT, superprotetto per motivi di sicurezza, presente alla festa gioiosa del 1° di maggio è stato oscurato da un manipolo di apostoli della violenza da altrove, estranei alla legittima lotta sociale che guida la sua organizzazione. Come poteva non essere arrabbiato con un simile casino? Questo fiasco è doloroso perché rivela la fragilità della CGT.

Ma, a ben guardare, il disagio di Philippe Martinez non era solo dovuto ai fumi dei gas lacrimogeni che lo avrebbero raggiunto. Ogni sindacalista, nella sua carriera, ha gli occhi "piangenti" durante le dimostrazioni violente degli attivisti. Raramente criticavano le forze dell'ordine con tale virulenza. Perché questo colpo di rabbia? Probabilmente perché il boss molto esperto della CGT ha compreso molto rapidamente che la sua strategia di convergenza delle lotte con i "giubbotti gialli" era in un vicolo cieco.

Nella manifestazione parigina del 1 ° maggio: "Ah, ragazzi, ben fatto, hai fermato un uccello!"

Dai primi secondi della dimostrazione, i "gilet gialli" lo hanno fischiato copiosamente per dirgli che il loro movimento non aveva alcun rappresentante e che la CGT non sarebbe mai stata in grado di strumentalizzare. Antico dibattito che anima, da oltre sei mesi, tutti coloro che cercano di incanalare questa ondata informale. Philippe Martinez si è preso il rischio, probabilmente spinto dalla sua ala sinistra, di attenersi ai "gilet gialli", sapendo che questo improbabile matrimonio non poteva essere registrato sulla carta. Come discutere l'organizzazione di un evento con indossatori invisibili o con maschera antigas? Dove sono i rappresentanti dei ribelli alle rotonde?Coloro che hanno cercato di lasciare le file hanno subito l'ira della loro base e sono stati rimandati alle loro case a secco, a volte minacciati di morte. Come dimenticarlo?

Un errore tattico

Altri sindacati, FSU o FO Ile-de-France, capirono molto rapidamente che era necessario abbandonare la processione e denunciare la violenza quasi automatica che circonda i "gilet gialli". Philippe Martinez, ha scommesso di restare, dimenticando che è proprio la natura di questo movimento che permette ai ruffiani di impegnarsi nei loro giochi preferiti. Gli apostoli del "black-blockism" sono come i pesci nell'acqua nel mezzo della processione "gialla", senza leader, senza servizio.Giocano a cucù con, ahimè, la divertita benevolenza dei loro ospiti, a volte la complicità attiva di alcuni. La CGT ha quindi cercato di credere che la sua semplice presenza avrebbe cambiato la situazione, che la sua rispettabilità, la sua lunga storia nelle lotte sociali, avrebbero pesato sul corso degli eventi. Non era così.

1 maggio: i sindacati criticano il dispositivo di sicurezza messo in atto

Al contrario i sindacalisti erano intrappolati, diventando gli extra di un film i cui eroi rimangono i "gilet gialli".

Rosso più giallo non ha fatto arancione. Tutti sono rimasti in sala, partecipanti involontari di una piccola rapina politica. In questa sequenza, gli operai sono stati rubati. Il loro capitale delle rivendicazioni è stato sperperato. Chi può ricordare oggi gli slogan proclamati dai "rossi" in questo giorno di stupidi? La violenza ha oscurato tutto. Quello dell'attacco di una scuola, di un ospedale e di una stazione di polizia, in piena Parigi, da bande di incappucciati, che si dichiarano cavalieri dell'Apocalisse.




Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio