Riassunto Crisi di Governo 2019: inizio e cos’è accaduto

In Germania SPD-CDU-CSU hanno impiegato tre mesi per elaborare un contratto di governo che fu poi approvato dal 66% degli iscritti alla SPD il 4 marzo 2018.



Dopo quattordici mesi il governo giallo-verde è arrivato alla fine. Il divorzio tra M5s e Lega è giunto quando il leader del Carroccio, Matteo Salvini ha ufficialmente aperto la crisi di governo. Tanti nel corso dei mesi i temi motivo di scontro tra i due alleati ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è arrivata con la Tav.

Crisi di governo: le tappe

E’ il 7 agosto quando il Senato boccia la mozione con cui il M5s chiede al Parlamento di fermare la realizzazione delle Torino-Lione. M5s e la Lega si spaccano e quest’ultima vota con il Pd e la mozione dei Cinque Stelle viene bocciata. La situazione precipita il giorno dopo con il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini che l’8 agosto ufficializza la volontà della Lega di tornare alle urne, staccando la spina, dopo 14 mesi, al governo giallo-verde.

Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori”.

Così Salvini che il giorno successivo, il 9 agosto fa il primo atto formale della crisi di governo, presentando una mozione di sfiducia in Senato al premier Giuseppe Conte.

9 Ago 2019

Lega richiede mozione di sfiducia, Di Maio gioca la carta del taglio ai parlamentari

La Lega non perde tempo e deposita al Senato la richiesta di mozione di sfiducia al governo, la data sarà decisa il prossimo 12 agosto

quando si riuniscono i capigruppo di M5S e PD ( assieme per la prima volta) di Camera e Senato rinviano il dibattito al 20.

Il duro attacco di Conte in Senato contro Salvini

Passano giorni concitati e frenetici fino ad arrivare al 20 agosto con il premier Giuseppe Conte che si presenta in Aula al Senato presentando le dimissioni e ponendo fine al governo gialloverde con un duro atto d’accusa verso Matteo Salvini.

La decisione di innescare la crisi è irresponsabile. Il ministro dell’Interno ha mostrato interessi personali. L’azione di Governo si arresta qui (…) Il ministro Salvini ha aperto la crisi e chiesto elezioni anticipate: è una decisione grave, perché ha seguito interessi personali e di partito. Decisione grave perché interrompe prematuramente un’esperienza di governo che aveva prodotto molti risultati; perché i cittadini avevano chiesto un cambio di passo espresso dal nostro governo; perché vìola il solenne impegno assunto dal leader della Lega con il contratto di governo; perché i tempi della decisione espongono il nostro Paese a gravi rischi, tra cui quello di ritrovarsi in esercizio provvisorio di bilancio (…) Se c’è mancanza di coraggio, non vi preoccupate me lo assumo io di fronte al Paese che ci guarda e vado dal presidente Mattarella.

Il premier Giuseppe Conte ha poi ufficializzato le sue dimissioni nel corso di un faccia a faccia con il capo dello Stato al Quirinale e comunicate ufficialmente nella serata del 20 agosto anche al Presidente della Camera Roberto Fico. Nella stessa giornata, nel tardo pomeriggio, la Lega ha deciso a sorpresa di ritirare la mozione di sfiducia a Conte presentata in Senato ma mai calendarizzata.

21 Ago 2019

Al via da oggi le consultazioni del presidente Mattarella con le forze politiche per verificare la possibilità di formare una maggioranza


22 Agosto Zingaretti al termine della riunione della direzione del PD: “Presentati i punti decisi all’unanimità. Ora confronto”. La parola d'ordine è discontinuità con il governo precedente.

26 Ago 2019

Agcom, Inps, Eni e le altre: la crisi di governo complica la partita sulle nomine pubbliche

Solo per questo autunno sono una settantina le poltrone da assegnare: la crisi di governo mette in stallo le nomine pubbliche.

27 Ago 2019

Crisi, trattativa M5S-Pd ancora in stallo. Al via secondo giro di consultazioni

Fumata nera alla riunione di ieri tra i due partiti che si incontrano anche oggi alle 11 mentre alle 16 inizia il secondo giro di consultazioni al Colle.

Fra le linee programmatiche di Pd e M5s rimangono molti punti di continuità rispetto al precedente Contratto gialloverde, ma con importanti novità

28 Ago 2019

Ultimo giorno di consultazioni al Quirinale per cercare di dare forma a un nuovo governo. In caso di esito negativo si tornerà alle urne.

28 Ago 2019

Crisi di governo: nuovo giro di consultazioni. Trump loda Conte: “Uomo talentuoso”

Le trattative tra M5S e Pd sono continuate in notturna e, pare che ci sia l’intesa su un Conte bis che ieri ha ricevuto l'endorsement dal presidente Trump.

28 Ago 2019

Zingaretti pronto all’accordo con il M5s: via libera a Conte bis

Il segretario dem, Nicola Zingaretti, ha confermato il sostegno a Giuseppe Conte, ma ribadisce: serve discontinuità sui contenuti

29 Ago 2019

Crisi di governo: Conte al Quirinale per ricevere incarico

Giuseppe Conte incontra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per ricevere l'incarico di formare un nuovo governo. ...

29 Ago 2019

Governo: Giuseppe Conte accetta l’incarico con riserva.

Via libera all'accordo politico tra Pd e M5s per la formazione di un Conte bis. Cosa succede adesso per la crisi di governo.

29 Ago 2019

Bozza programma governo Pd-M5s: cosa cambia dall’era gialloverde

Fra le linee programmatiche di Pd e M5s rimangono molti punti di continuità rispetto al precedente Contratto gialloverde, ma con importanti novità

30 Ago 2019

Di Maio pronto a far saltare l’accordo: “Ok su nostri punti o si vota”

Da Luigi Di Maio altolà alla patrimoniale e, soprattutto, a modifiche sui decreti sicurezza: "Non rinneghiamo il passato". E, alla fine, deciderà Rousseau. Grillo fa sapere che M5S dovrebbe lasciare a tecnici competenti alcuni ministeri importanti. Di Maio è delegittimato.

3 Set 2019

Di Maio porta a 26 i punti fondamentali del nuovo governo Conte -bis.

Piattaforma Rousseau: il quesito del M5S sul Conte Bis

Il M5s ha deciso di rimettere alla volontà espressa sulla piattaforma Rousseau il destino dell'alleanza giallorossa.


Gli iscritti al Movimento hanno approvato l'intesa sulla piattaforma Rousseau con un consenso vicino all'80%.

Dopo la rinuncia alla vicepresidenza del Presidente del Consiglia da parte di Zingaretti, Di Maio si fa da parte accontentandosi del ministero della Esteri.

4 Settembre 2019, d

Il presidente incaricato Giuseppe Conte ha annunciato la lista di ministri del nascente governo Pd-M5s. E’ atteso per domani il giuramento al Quirinale. Ecco la lista dei ministri:( la discontinuità con il governo precedente è evidente).

Lavoro: Nunzia Catalfo (M5s) Sviluppo Economico: Stefano Patuanelli (M5s) Interni: Luciana Lamorgese Esteri: Luigi Di Maio (M5s) Difesa: Lorenzo Guerini (Pd) Giustizia: Lorenzo Bonafede (M5s) Agricoltura: Teresa Bellanova (Pd) Beni culturali: Dario Franceschini (Pd) Infrastrutture: Paola Demicheli (Pd) Salute: Roberto Speranza (Leu) Istruzione: Lorenzo Fioramenti (M5s) Ambiente: Sergio Costa Rapporti con il Parlamento: Federico D’Inca (M5s) Innovazione: Paola Pisano (M5s) Pubblica amministrazione: Fabiana Dadone (M5s) Affari regionali: Francesco Boccia (Pd) Sport: Vincenzo Spadafora (Pd) Pari opportunità e famiglia: Elena Bonetti (Pd) Affari europei: Enzo Amendola (Pd) Mezzogiorno: Giuseppe Provenzano (Pd)

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio: Riccardo Fraccaro (M5s)

9 settembre

Il Conte Bis M5S+Leu+PD ottiene la fiducia alla Cameracontro Lega, Forza Italia, Fratelli d'IItalia.

10 settembre

Il Conte Bis M5S+Leu+PD ottiene la fiducia al Senato contro Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia.