2021 Un anno varianti di COVID-19 : Alpha, Beta, Gamma, Delta, Lambda, Mu. E ora Omicron.








La prima "fotografia" al mondo della variante Omicron è stata realizzata nell'area di ricerca di Medicina Multimodale del Bambino Gesù - coordinata da Carlo Federico Perno, con la diretta supervisione di Claudia Alteri (in collaborazione con l'Università Statale di Milano) - da Valentino Costabile, Rossana Scutari e Luna Colagrossi. L'immagine sottostante mostra la struttura della proteina Spike della variante Omicron, a destra, e della variante Delta, a sinistra, rispetto alla Spike originale di Sars-CoV-2. Omicron ha molte più mutazioni di Delta (già molto variata), concentrate in una zona che interagisce con le cellule umane





Cambridge

MIT Medical Building E23 25 Carleton Street Cambridge, MA 02142

È stato un lungo anno di notizie preoccupanti sulle varianti di COVID-19 : Alpha, Beta, Gamma, Delta, Lambda, Mu. E ora Omicron .

L'ultima variante del coronavirus, inizialmente nota come B.1.1.529, è stata scoperta l'11 novembre in Botswana. Il Sud Africa ha segnalato la variante all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il 24 novembre dopo che si è scoperto che rappresentava la maggior parte dei nuovi casi nella provincia di Gauteng, che comprende le città densamente popolate di Johannesburg e Pretoria. Entro due giorni, l'OMS aveva rinominato la variante con la lettera greca Omicron e l'ha dichiarata una variante preoccupante (VOC), citando il suo gran numero di mutazioni - 32 sulla sola proteina spike. La dichiarazione ha portato a un crollo dei mercati azionari, divieti di viaggio e infinite speculazioni sul potenziale di Omicron di diffondersi più facilmente, causare malattie più gravi ed eludere l'immunità indotta dal vaccino.


"Ma se c'è una cosa che dovremmo aver imparato ormai", afferma il direttore medico Cecilia Stuopis, "è aspettare i dati". Nel caso di Omicron, spiega, è probabile che l'attesa durerà diverse settimane. " Le varianti precedenti erano note e circolavano da mesi prima che l'OMS le designasse come varianti preoccupanti", osserva. "Ciò ha dato agli scienziati il ​​tempo di studiarli e rispondere alle domande su quanto potessero essere trasmissibili o letali ".

Quando si parla di Omicron, restano due grandi domande:

Omicron è più contagioso delle varianti precedenti?

Non lo sappiamo ancora. Alcuni osservatori indicano l'impennata di casi di Omicron nella provincia sudafricana di Gauteng come prova della capacità della nuova variante di "superare la concorrenza del Delta". Altri osservano che, fino a tempi molto recenti, questa regione del paese aveva pochissimi casi, il numero più basso dall'inizio della pandemia, il che significa che Omicron potrebbe non aver avuto molta concorrenza. Questo vuoto in cui una nuova variante avrebbe potuto diffondersi più prontamente - combinato con un tasso di vaccinazione inferiore al 25 per cento - sarebbe stata la condizione ideale per un "effetto fondatore", una situazione in cui un singolo caso in un'area a bassa prevalenza, combinato con uno o due eventi di superdiffusione, si traduce in una rapida diffusione della malattia. In luoghi come gli Stati Uniti, dove il Delta sta dominando e una percentuale maggiore della popolazione è vaccinata, Omicron deve affrontare una sfida maggiore.

Ma che dire di tutte quelle mutazioni sulla proteina spike? "Ci vorrà del tempo per sapere in che modo queste mutazioni influiscono sulla forma fisica virale", spiega Stuopis. “Alcuni potrebbero facilitare la diffusione del virus. Altri potrebbero avere l'effetto opposto. Ma più mutazioni non creano necessariamente una variante più pericolosa”.

E non si tratta solo della proteina spike. Trevor Bedford, uno scienziato del genoma ed epidemiologo presso l'Università di Washington e il Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle, sottolinea che a Omicron mancano molte delle mutazioni non-spike che sembravano rendere la variante Delta più trasmissibile. Facendo riferimento a un recente studio del Broad Institute su quelle mutazioni, dice: "Non sarei sorpreso se la trasmissibilità intrinseca [di Omicron] fosse simile a Gamma", una variante che si è rivelata incapace di competere con Delta.

Tuttavia, mentre stiamo aspettando ulteriori dati, è più sicuro presumere che Omicron sia altamente trasmissibile e agire di conseguenza, afferma Stuopis. "Negli ultimi giorni sono stati identificati nuovi casi attribuibili a Omicron in molti altri paesi", osserva. “La continua sorveglianza ravvicinata fornirà informazioni cruciali che ora non abbiamo. Omicron avrà più concorrenza al di fuori del Sud Africa e le prossime settimane ci diranno molto su come la sua trasmissibilità effettiva sarà confrontata con Delta e varianti precedenti".

Omicron può eludere l'immunità fornita dai vaccini?

Questa è un'altra domanda a cui non possiamo ancora rispondere. “Tuttavia”, sottolinea Stuopis, “la risposta non sarà un semplice 'sì' o 'no'. La fuga immunitaria sarà una questione di grado".

Il grado in cui questa nuova variante può eludere l'immunità indotta dalla vaccinazione o dall'infezione naturale è qualcos'altro di cui impareremo di più nelle prossime settimane. Sono informazioni che proverranno sia da studi di laboratorio che da dati del mondo reale. "I vaccini potrebbero essere meno efficaci contro questa variante", riconosce Stuopis. «È probabile, in effetti. Ma è molto probabile che la vaccinazione continuerà a essere protettiva contro malattie gravi”.

Questo perché sia ​​i vaccini che l'infezione naturale portano alla creazione di "anticorpi policlonali", anticorpi che hanno forme diverse per essere in grado di legarsi a molti siti bersaglio diversi sulla superficie del virus. Le mutazioni che colpiscono quei siti target, come quelle osservate con Omicron, potrebbero significare che alcuni dei nostri anticorpi non saranno in grado di legarsi alla nuova variante o potrebbero non legarsi completamente. Ma anche se una nuova variante riesce a schivare alcuni dei nostri anticorpi, probabilmente non li schiverà tutti. In effetti, un recente studio sulle mutazioni naturali e create in laboratorio ha rilevato che qualsiasi variante di SARS-CoV-2 dovrebbe contenere circa 20 esattamente del giusto tipo di mutazioni per essere completamente resistente agli anticorpi prodotti dal tipico virus completamente vaccinato. individuale.

Ma mentre ci sono prime indicazioni che i vaccini saranno almeno in qualche modo protettivi contro gravi malattie causate dalla variante Omicron, le preoccupazioni per una possibile fuga immunitaria probabilmente hanno alimentato la nuova raccomandazione del CDC all'inizio di questa settimana, che tutti gli adulti idonei ricevano colpi di richiamo il prima possibile. È una raccomandazione supportata da Stuopis. "I booster ricordano al sistema immunitario che questo coronavirus è una minaccia continua", spiega. "Un booster aumenta il numero di anticorpi circolanti e, anche se una variante può eludere alcuni di quegli anticorpi, i numeri puri ti danno un vantaggio immediato se sei esposto". Un recente studio preliminare ha anche mostrato che i booster hanno generato una gamma ancora più ampia di anticorpi che potrebbero colpire più parti del virus.

Cosa facciamo adesso?

Mentre Stuopis riconosce la frustrazione di avere più domande che risposte, ci assicura che presto avremo quelle risposte. Nel frattempo, consiglia di mirare a quel punto debole tra il panico e l'autocompiacimento e di cercare di bloccare il costante battito di tamburi della speculazione. “Dobbiamo prendere sul serio la minaccia di nuove varianti”, sottolinea, “ma Omicron non è un nuovo virus. Sappiamo come proteggere noi stessi e la nostra comunità facendo ciò che ha funzionato finora: indossare una maschera al chiuso; fai il test anche se hai sintomi lievi e autoisolati fino a quando non ottieni i risultati; isolare se risulta positivo; vaccinarsi; e fatti potenziare ”.

Archivio