6.6 - Lo Stato sociale in USA e i progetti del New Deal






6.6 - Lo Stato sociale in USA e i progetti del New Deal


Il New Deal (nuovo accordo) di F. D. Roosevelt[1] con il popolo americano 1933-1941 consisteva in una serie di programmi e progetti istituiti durante la Grande Depressione, che miravano a riportare la prosperità agli americani.

Quando Roosevelt entrò in carica nel 1933, agì rapidamente per stabilizzare l'economia e ridurre la disoccupazione ed il malcontento. Negli otto anni successivi, il Governo istituì una serie di progetti e programmi sperimentali come il CCC, il WPA, la TVA, la SEC e altri. Il New Deal di Roosevelt cambiò radicalmente e permanentemente il governo federale degli Stati Uniti ampliandone le dimensioni e la portata, in particolare con riferimento al suo ruolo nell'economia.

Il 4 marzo 1933, durante i giorni più cupi della Grande Depressione, il neoeletto Presidente Franklin D. Roosevelt pronunciò il suo primo discorso inaugurale davanti a 100.000 persone al Campidoglio di Washington. "Prima di tutto", disse, "lasciatemi affermare la mia ferma convinzione che l'unica cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura stessa………………………….

Roosevelt iniziò chiedendo al Congresso di fare il primo passo verso la fine del proibizionismo - una delle questioni più controverse degli anni 1920 - rendendo di nuovo legale per gli americani l'acquisto di birra. Alla fine dell'anno, il Congresso ratificò il 21° emendamento e tolse definitivamente il divieto.

A maggio del 1933 firmò il Tennessee Valley Authority Act[2], per la produzione di energia elettrica. Nello stesso mese, il Congresso approvò un disegno di legge, l’Agricultural Adjustment Act[3], per porre fine alle eccedenze agricole e far aumentare i prezzi. Il National Industrial Recovery Act[4] del giugno 1933 garantiva ai lavoratori il diritto di sindacalizzarsi. Furono sospese anche alcune leggi antitrust e fu istituita un'amministrazione dei lavori pubblici finanziata dal Governo Federale.

Quasi ogni americano trovò qualcosa di cui essere soddisfatto e qualcosa di cui lamentarsi in questa miscellanea di leggi, ma era chiaro a tutti che Roosevelt stava intraprendendo l'azione "diretta e vigorosa" che aveva promesso nel suo discorso inaugurale.

Oltre alle leggi sopra richiamate, nei suoi primi 100 giorni in carica Roosevelt, fece approvare altre 12 leggi importanti, tra le quali si citano il Glass-Steagall Act[5] e lo Home Owners’ Loan[6]Act.


6.6.1 - Il secondo New Deal

Nonostante i migliori sforzi del Presidente Roosevelt e del suo gabinetto, la Grande Depressione continuò. La disoccupazione persistette, l'economia rimase instabile, gli agricoltori continuarono a lottare nel Dust Bowl[7] e l’opinione pubblica tendeva sempre più a forme di avversione. Così, nella primavera del 1935, Roosevelt lanciò una seconda serie più aggressiva di programmi federali, a volte chiamata Second New Deal.

Ad aprile creò la Works Progress Administration (WPA – Amministrazione per lo sviluppo delle opere) per fornire posti di lavoro ai disoccupati. I progetti WPA non potevano competere con l'industria privata, quindi si concentrarono sulla costruzione di opere come uffici postali, ponti, scuole, autostrade e parchi. La WPA diede anche lavoro ad artisti, scrittori, registi teatrali e musicisti.

Nel luglio 1935, il National Labor Relations Act (legge sui rapport di lavoro), nota anche come Wagner Act, creò il National Labor Relations Board (Comitato nazionale per i rapport di lavoro) per supervisionare le elezioni sindacali e impedire alle imprese di trattare i propri lavoratori in modo ingiusto…………………………………………………………………………….


6.6.3 - Il New Deal e la politica americana

Dal 1933 al 1941, i programmi e le politiche del New Deal del Presidente Roosevelt non si limitarono ad aggiustare i tassi di interesse, armeggiare con le sovvenzioni agricole e creare programmi di lavoro a breve termine.

Crearono una coalizione politica nuova di zecca, anche se tenue, che includeva lavoratori bianchi, afroamericani e intellettuali di sinistra. Più donne entrarono nel mondo del lavoro mentre Roosevelt aveva ampliato il numero di ruoli di segreteria nel governo. Questi gruppi raramente condividevano gli stessi interessi - almeno, raramente pensavano di averlo fatto - ma condividevano la forte convinzione che un governo interventista fosse buono per le loro famiglie, l'economia e la nazione. La coalizione politica si frammentò nel tempo, ma molti programmi del New Deal che li univano insieme – la previdenza sociale, l’assicurazione contro la disoccupazione e I sussidi agricoli federali, furono una costante ben accettata.


========================================================================


[1]Roosevelt, Franklin Delano. - Uomo politico statunitense (Hyde Park, New York, 1882 - Warm Springs, Georgia, 1945). Fu Presidente degli Stati Uniti per quattro mandati consecutivi, dal 1933 al 1945. Governò il Paese in due dei più difficili periodi della sua storia: quello seguente la crisi economica scoppiata nel 1929 e la Seconda guerra mondiale. Con il suo programma di riforme economiche (New Deal) e le sue capacità strategiche e diplomatiche si rivelò un grande leader che portò il suo Paese alla posizione di superpotenza e di guida dell'Occidente (Enciclopedia Treccani). [2] Tennessee Valley Authority Act o TVA, legge istitutiva dell’Autorità della valle del Tennessee, che consentiva al Governo Federale di costruire dighe lungo il fiume Tennessee per controllare le inondazioni, creando lavoro ed energia idroelettrica a basso costo per lo sviluppo economico della regione. [3]Legge sull’adeguamento delle campagne”, vale a dire la legge statunitense del maggio 1933, volta a ripristinare il potere d’acquisto degli agricoltori ai livelli degli anni 1909-1914 e che prevedeva, tra le altre cose, l’eliminazione delle sovrapproduzioni e l’instaurazione di prezzi minimi, stabilendo il principio del finanziamento pubblico in cambio però del contenimento volontario della produzione agricola per rimuovere ogni eccedenza produttiva. (Maurizio Vaudagna, “Il New Deal”, Il Mulino Editore, Bologna, 1981) [4]National Industrial Recovery Act o NIRA, legge approvata dal Congresso degli Stati Uniti nel giugno 1933 nel tentativo di promuovere il rilancio dell'economia americana, che non si era ancora ripresa dalla grave crisi del '29. La NIRA stabiliva codici di comportamento, ossia norme dirette a limitare la concorrenza fra imprese (attraverso ad esempio la fissazione di prezzi minimi di offerta) e ad armonizzare le condizioni di produzione, oltre che ad evitare fenomeni di sovrapproduzione. Oltre a detti codici, la NIRA prevedeva importanti innovazioni in campo sociale; furono infatti stipulati accordi collettivi che regolavano i minimi salariali, fissavano il numero massimo di ore di lavoro ed altre fondamentali clausole di lavoro delle quali alcune furono in seguito riviste e sviluppate in nuove leggi in ambito specificamente sindacale e previdenziale. [5] Si tratta della legge bancaria Glass-Steagall del 1933 (dal nome dei suoi promotori, il Senatore Carter Glass e il Deputato Henry B. Steagall) mirava ad introdurre misure per contenere la speculazione da parte degli intermediari finanziari e prevenire le situazioni di panico bancario. La prima misura fu quella di istituire la Federal Deposit Insurance Corporation (Ente di assicurazione federale dei depositi) con lo scopo di garantire i depositi e prevenire eventuali corse allo sportello e ridurre il rischio di panici bancari. La seconda misura prevedeva l'introduzione di una netta separazione tra attività bancaria tradizionale e attività bancaria di investimento. In base alla legge, le due attività non poterono più essere esercitate dallo stesso intermediario, realizzandosi così la separazione tra banche commerciali e banche di investimento. [6] Home Owners’ Loan Act (legge sui finanziamenti ai proprietari di case) del 13 giugno 1933. Essa consentì l’erogazione di prestiti di emergenza al settore dei mutui immobiliari alle famiglie che avevano sottoscritto mutui e che non erano più in grato di pagarli, con operazioni di rifinanziamento. La legge istituì anche la Home Owners’ Loan Corporation (HOLC- Società per il finanziamento dei proprietari di case) per attuare le disposizioni previste dalla detta legge. [7]Con il termine Dust Bowl (conca di polvere) si indica una serie di tempeste di sabbia che colpirono gli Stati Uniti centrali e il Canada tra il 1931 e il 1939, causate da decenni di tecniche agricole inappropriate e dalla mancanza di rotazione delle colture. Durante la siccità, il suolo si seccava diventando polvere, e veniva spazzato via verso est, in grandi nuvole nere di polvere che oscuravano il cielo fino a Chicago. Il termine rimase ad indicare anche l'area geografica colpita dal fenomeno, cioè la regione compresa tra Texas, Kansas, Oklahoma, Colorado e Nuovo Messico.


Il New Deal (nuovo accordo) di F. D. Roosevelt[1] con il popolo americano 1933-1941 consisteva in una serie di programmi e progetti istituiti durante la Grande Depressione, che miravano a riportare la prosperità agli americani.

Quando Roosevelt entrò in carica nel 1933, agì rapidamente per stabilizzare l'economia e ridurre la disoccupazione ed il malcontento. Negli otto anni successivi, il Governo istituì una serie di progetti e programmi sperimentali come il CCC, il WPA, la TVA, la SEC e altri. Il New Deal di Roosevelt cambiò radicalmente e permanentemente il governo federale degli Stati Uniti ampliandone le dimensioni e la portata, in particolare con riferimento al suo ruolo nell'economia.

Il 4 marzo 1933, durante i giorni più cupi della Grande Depressione, il neoeletto Presidente Franklin D. Roosevelt pronunciò il suo primo discorso inaugurale davanti a 100.000 persone al Campidoglio di Washington. "Prima di tutto", disse, "lasciatemi affermare la mia ferma convinzione che l'unica cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura stessa………………………….

Roosevelt iniziò chiedendo al Congresso di fare il primo passo verso la fine del proibizionismo - una delle questioni più controverse degli anni 1920 - rendendo di nuovo legale per gli americani l'acquisto di birra. Alla fine dell'anno, il Congresso ratificò il 21° emendamento e tolse definitivamente il divieto.

A maggio del 1933 firmò il Tennessee Valley Authority Act[2], per la produzione di energia elettrica. Nello stesso mese, il Congresso approvò un disegno di legge, l’Agricultural Adjustment Act[3], per porre fine alle eccedenze agricole e far aumentare i prezzi. Il National Industrial Recovery Act[4] del giugno 1933 garantiva ai lavoratori il diritto di sindacalizzarsi. Furono sospese anche alcune leggi antitrust e fu istituita un'amministrazione dei lavori pubblici finanziata dal Governo Federale.

Quasi ogni americano trovò qualcosa di cui essere soddisfatto e qualcosa di cui lamentarsi in questa miscellanea di leggi, ma era chiaro a tutti che Roosevelt stava intraprendendo l'azione "diretta e vigorosa" che aveva promesso nel suo discorso inaugurale.

Oltre alle leggi sopra richiamate, nei suoi primi 100 giorni in carica Roosevelt, fece approvare altre 12 leggi importanti, tra le quali si citano il Glass-Steagall Act[5] e lo Home Owners’ Loan[6]Act.


6.6.1 - Il secondo New Deal

Nonostante i migliori sforzi del Presidente Roosevelt e del suo gabinetto, la Grande Depressione continuò. La disoccupazione persistette, l'economia rimase instabile, gli agricoltori continuarono a lottare nel Dust Bowl[7] e l’opinione pubblica tendeva sempre più a forme di avversione. Così, nella primavera del 1935, Roosevelt lanciò una seconda serie più aggressiva di programmi federali, a volte chiamata Second New Deal.

Ad aprile creò la Works Progress Administration (WPA – Amministrazione per lo sviluppo delle opere) per fornire posti di lavoro ai disoccupati. I progetti WPA non potevano competere con l'industria privata, quindi si concentrarono sulla costruzione di opere come uffici postali, ponti, scuole, autostrade e parchi. La WPA diede anche lavoro ad artisti, scrittori, registi teatrali e musicisti.

Nel luglio 1935, il National Labor Relations Act (legge sui rapport di lavoro), nota anche come Wagner Act, creò il National Labor Relations Board (Comitato nazionale per i rapport di lavoro) per supervisionare le elezioni sindacali e impedire alle imprese di trattare i propri lavoratori in modo ingiusto…………………………………………………………………………….


6.6.3 - Il New Deal e la politica americana

Dal 1933 al 1941, i programmi e le politiche del New Deal del Presidente Roosevelt non si limitarono ad aggiustare i tassi di interesse, armeggiare con le sovvenzioni agricole e creare programmi di lavoro a breve termine.

Crearono una coalizione politica nuova di zecca, anche se tenue, che includeva lavoratori bianchi, afroamericani e intellettuali di sinistra. Più donne entrarono nel mondo del lavoro mentre Roosevelt aveva ampliato il numero di ruoli di segreteria nel governo. Questi gruppi raramente condividevano gli stessi interessi - almeno, raramente pensavano di averlo fatto - ma condividevano la forte convinzione che un governo interventista fosse buono per le loro famiglie, l'economia e la nazione. La coalizione politica si frammentò nel tempo, ma molti programmi del New Deal che li univano insieme – la previdenza sociale, l’assicurazione contro la disoccupazione e I sussidi agricoli federali, furono una costante ben accettata.


========================================================================


[1]Roosevelt, Franklin Delano. - Uomo politico statunitense (Hyde Park, New York, 1882 - Warm Springs, Georgia, 1945). Fu Presidente degli Stati Uniti per quattro mandati consecutivi, dal 1933 al 1945. Governò il Paese in due dei più difficili periodi della sua storia: quello seguente la crisi economica scoppiata nel 1929 e la Seconda guerra mondiale. Con il suo programma di riforme economiche (New Deal) e le sue capacità strategiche e diplomatiche si rivelò un grande leader che portò il suo Paese alla posizione di superpotenza e di guida dell'Occidente (Enciclopedia Treccani). [2] Tennessee Valley Authority Act o TVA, legge istitutiva dell’Autorità della valle del Tennessee, che consentiva al Governo Federale di costruire dighe lungo il fiume Tennessee per controllare le inondazioni, creando lavoro ed energia idroelettrica a basso costo per lo sviluppo economico della regione. [3]Legge sull’adeguamento delle campagne”, vale a dire la legge statunitense del maggio 1933, volta a ripristinare il potere d’acquisto degli agricoltori ai livelli degli anni 1909-1914 e che prevedeva, tra le altre cose, l’eliminazione delle sovrapproduzioni e l’instaurazione di prezzi minimi, stabilendo il principio del finanziamento pubblico in cambio però del contenimento volontario della produzione agricola per rimuovere ogni eccedenza produttiva. (Maurizio Vaudagna, “Il New Deal”, Il Mulino Editore, Bologna, 1981) [4]National Industrial Recovery Act o NIRA, legge approvata dal Congresso degli Stati Uniti nel giugno 1933 nel tentativo di promuovere il rilancio dell'economia americana, che non si era ancora ripresa dalla grave crisi del '29. La NIRA stabiliva codici di comportamento, ossia norme dirette a limitare la concorrenza fra imprese (attraverso ad esempio la fissazione di prezzi minimi di offerta) e ad armonizzare le condizioni di produzione, oltre che ad evitare fenomeni di sovrapproduzione. Oltre a detti codici, la NIRA prevedeva importanti innovazioni in campo sociale; furono infatti stipulati accordi collettivi che regolavano i minimi salariali, fissavano il numero massimo di ore di lavoro ed altre fondamentali clausole di lavoro delle quali alcune furono in seguito riviste e sviluppate in nuove leggi in ambito specificamente sindacale e previdenziale. [5] Si tratta della legge bancaria Glass-Steagall del 1933 (dal nome dei suoi promotori, il Senatore Carter Glass e il Deputato Henry B. Steagall) mirava ad introdurre misure per contenere la speculazione da parte degli intermediari finanziari e prevenire le situazioni di panico bancario. La prima misura fu quella di istituire la Federal Deposit Insurance Corporation (Ente di assicurazione federale dei depositi) con lo scopo di garantire i depositi e prevenire eventuali corse allo sportello e ridurre il rischio di panici bancari. La seconda misura prevedeva l'introduzione di una netta separazione tra attività bancaria tradizionale e attività bancaria di investimento. In base alla legge, le due attività non poterono più essere esercitate dallo stesso intermediario, realizzandosi così la separazione tra banche commerciali e banche di investimento. [6] Home Owners’ Loan Act (legge sui finanziamenti ai proprietari di case) del 13 giugno 1933. Essa consentì l’erogazione di prestiti di emergenza al settore dei mutui immobiliari alle famiglie che avevano sottoscritto mutui e che non erano più in grato di pagarli, con operazioni di rifinanziamento. La legge istituì anche la Home Owners’ Loan Corporation (HOLC- Società per il finanziamento dei proprietari di case) per attuare le disposizioni previste dalla detta legge. [7]Con il termine Dust Bowl (conca di polvere) si indica una serie di tempeste di sabbia che colpirono gli Stati Uniti centrali e il Canada tra il 1931 e il 1939, causate da decenni di tecniche agricole inappropriate e dalla mancanza di rotazione delle colture. Durante la siccità, il suolo si seccava diventando polvere, e veniva spazzato via verso est, in grandi nuvole nere di polvere che oscuravano il cielo fino a Chicago. Il termine rimase ad indicare anche l'area geografica colpita dal fenomeno, cioè la regione compresa tra Texas, Kansas, Oklahoma, Colorado e Nuovo Messico.

Archivio