Abusi su minori in Francia, il Papa : è il momento della vergogna, la mia e la nostra.






"Al Signore la gloria, a noi la vergogna" Salutando i fedeli di lingua francese, al termine della catechesi pronunciata nell’Aula Paolo VI, il pensiero di Francesco si rivolge alle vittime della pedofilia nella Chiesa di Francia, alla luce dei "numeri considerevoli" con particolari sottolineature nelle parole pronunciate a braccio: Desidero esprimere alle vittime la mia tristezza e il mio dolore per i traumi che hanno subito e la mia vergogna, la nostra vergogna, la mia vergogna, per la troppo lunga incapacità della Chiesa di metterle al centro delle sue preoccupazioni, assicurando loro la mia preghiera. E prego e preghiamo insieme tutti: “A te Signore la gloria, a noi la vergogna”: questo è il momento della vergogna. Incoraggio i vescovi e voi, cari fratelli che siete venuti qui a condividere questo momento, incoraggio i vescovi e i superiori religiosi a continuare a compiere tutti gli sforzi affinché drammi simili non si ripetano. Esprimo ai sacerdoti di Francia vicinanza e paterno sostegno davanti a questa prova, che è dura ma è salutare, e invito i cattolici francesi ad assumere le loro responsabilità per garantire che la Chiesa sia una casa sicura per tutti.

L'express 05/10/2021 Agnès Laurent

330.000 vittime dal 1950. La cifra è stata accuratamente tenuta segreta fino alla presentazione del rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase) martedì 5 ottobre. Come per fare meglio l'elettroshock. Da alcuni giorni la gerarchia cattolica, ed in particolare la Conferenza dei Vescovi di Francia (CEF) e la Conferenza dei Religiosi e delle Religiose di Francia (Corref), entrambe promotrici dell'opera del Ciase , stanno cercando di preparare gli animi per una "figura sbalorditiva".


C'è da dire che il numero delle vittime di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica risulta essere molto più alto di quanto si era detto fino a quel momento. Impressionante, scioccante - inimmaginabile per alcuni - questa cifra rivela come l'istituzione abbia rifiutato a lungo di aprire gli occhi e abbia messo un velo discreto sui crimini portati alla sua attenzione. Parla anche del bisogno di parole e di riconoscimento che sentono le vittime. Ora, con la dura luce gettata dal rapporto della commissione Sauvé - intitolata a Jean-Marc Sauvé, ex vicepresidente del Consiglio di Stato, che ne era a capo - nessuno può negare la profondità del dramma.


216.000 abusi commessi da sacerdoti o religiosi

Di nuovo all'inizio dell'anno, Jean-Marc Sauvé ha menzionato sulla stampa la cifra di 10.000 vittime. Al termine di oltre 30 mesi di indagine, la raccolta di 6.400 testimonianze in diverse forme , un'indagine Inserm su 30.000 persone, un lavoro approfondito negli archivi della Chiesa, il fenomeno si rivela su tutta un'altra scala. È indicativo del silenzio che regnava tra il clero, le famiglie, tra le stesse vittime. Certo, questa è una stima con un margine di errore, ma in tutti i casi il numero di abusi è compreso tra 165.000 e 270.000, secondo la Commissione Sauvé.


Nella Chiesa i delitti non erano appannaggio solo del clero. Dei 330.000 casi, due terzi (o 216.000) sono stati commessi da sacerdoti, religiosi e religiose. Abusi - il Ciase ne ha individuati 2900 su 3200, una "stima minima" secondo Jean-Marc Sauvé - che hanno approfittato in particolare del potere spirituale che esercitavano e dei momenti dei sacramenti per imporre atti ai minori sotto la loro responsabilità. Ma oltre il 30% degli abusi sono stati commessi da laici, dipendenti o volontari, presenti nelle cappellanie, negli istituti scolastici cattolici, nei villaggi turistici.

Un rischio tre volte maggiore nella Chiesa che in altri luoghi di accoglienza dei minori

Non si tratta, tuttavia, di concludere, come fanno alcuni cattolici, che ciò che è accaduto nella Chiesa è solo il riflesso di un fenomeno della società più ampia. La relazione Ciase è, su questo punto, priva di ambiguità. In numeri assoluti, la Chiesa è al di sopra delle altre istituzioni che accolgono i bambini: La commissione Sauvé stima in 141.000 il numero delle vittime nelle scuole pubbliche, 103.000 nelle attività sportive, 103.000 anche nei campi estivi e in altri centri collettivi e 51.000 nelle attività culturali e artistiche. E il tasso di prevalenza (il rischio che un bambino sia vittima di abusi in un istituto rispetto al numero di minori che frequentano questo istituto) è chiaro: è l'1,16% nella Chiesa (0,82% per il solo clero), contro lo 0,36% nelle colonie, 0,34 nelle scuole pubbliche e 0,28% nello sport. Vale a dire un rischio da due a tre volte maggiore nel mondo religioso che altrove.

Un rischio particolarmente elevato fino all'inizio degli anni 2000, quando l'istituzione ha svolto un ruolo centrale nell'istruzione e nel tempo libero dei giovani. Il 56% degli abusi è avvenuto prima degli anni '70 e il 22% tra gli anni '70 e '90. Solo l'8,7% degli abusi sarebbe stato commesso nel periodo recente, a partire dagli anni 2000. Su quest'ultimo punto, tuttavia, resta un'incognita: le vittime sono ancora murate in silenzio come i più grandi che hanno impiegato anni per osare parlare? Oppure c'è una diminuzione degli atti dovuta alla scristianizzazione della società? Difficile saperlo subito.

L'unica certezza, siano esse più anziane o più giovani, le vittime si aspettano molto dal rapporto Sauvé e dalle sue 45 raccomandazioni di fronte alla riluttanza della Chiesa. Fino a questi ultimi giorni ha rifiutato, infatti, di riconoscere la sua responsabilità collettiva, una parte del clero, dei fedeli e dell'episcopato ritenendo che non potessero assumerla in nome di sacerdoti e religiosi devianti. Il Ciase, stabilendo il carattere quasi istituzionale del silenzio, anche di dissimulazione, intorno all'abuso sessuale e alla tutela accordata ai colpevoli, obbliga l'intera comunità cattolica ad assumersi gli abusi commessi al suo interno. Lo incoraggia a riconoscere formalmente la sua responsabilità.

Sullo stesso argomento

Lo invita inoltre a non accontentarsi di una riparazione forfettaria come previsto nel 2019., ma di istituire un sistema di risarcimento individuale proporzionato all'esperienza di ciascuna delle vittime. Il compito si preannuncia complicato in una Chiesa che, fino ad ora, ha procrastinato sull'argomento, facendo infuriare le vittime. E che aveva accennato a una cifra estremamente modesta, di 5 milioni di euro complessivi. Una cifra che ora non ha senso, visto il numero di minori maltrattati individuati dal Ciase, anche se solo una piccola parte di essi chiede un risarcimento economico. Se viene mostrato solo il 10%, la quota di ciascuno sarebbe poco più di 150 euro. L'episcopato dovrà immaginare con urgenza un dispositivo più credibile. La sua assemblea plenaria di novembre potrebbe essere l'occasione.

330.000 vittime dal 1950. La cifra è stata accuratamente tenuta segreta fino alla presentazione del rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase) martedì 5 ottobre. Come per fare meglio l'elettroshock. Da alcuni giorni la gerarchia cattolica, ed in particolare la Conferenza dei Vescovi di Francia (CEF) e la Conferenza dei Religiosi e delle Religiose di Francia (Corref), entrambe promotrici dell'opera del Ciase , stanno cercando di preparare gli animi per una "figura sbalorditiva".


C'è da dire che il numero delle vittime di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica risulta essere molto più alto di quanto si era detto fino a quel momento. Impressionante, scioccante - inimmaginabile per alcuni - questa cifra rivela come l'istituzione abbia rifiutato a lungo di aprire gli occhi e abbia messo un velo discreto sui crimini portati alla sua attenzione. Parla anche del bisogno di parole e di riconoscimento che sentono le vittime. Ora, con la dura luce gettata dal rapporto della commissione Sauvé - intitolata a Jean-Marc Sauvé, ex vicepresidente del Consiglio di Stato, che ne era a capo - nessuno può negare la profondità del dramma.

2


Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio