CAP. V - IL PROTEZIONISMO IN EUROPA 1873 -1915 CAP.VI -LO STATO SOCIALE IN GRAN BRETAGNA.......



Continuiamo la narrazione della storia economica di fine ottocento che vide la fine del liberismo e l’affermarsi del protezionismo in economia. La Germania verso la fine del secolo divenne la maggiore potenza industriale e l’Italia dal 1890 al 1915, in poco meno di trent’anni, compiva la sua rivoluzione capitalista-industriale almeno nel triangolo industriale Milano-Torino-Genova.......................................................................................................................................

......................................................................................................................................................


CAPITOLO VI - LO STATO SOCIALE IN GRAN BRETAGNA, GERMANIA, ITALIA 1850-1914


Non vi sarebbe uno Stato sociale senza la rivoluzione industriale-capitalista. In contrapposizione a questo tipo di economia si formò il proletariato che prestava lasua “expertise” al capitalista detentore di stabilimenti, macchinari, rete commerciale. Si innestò una dura contrapposizione tra proletariato e capitalisti. I primi lottarono per partecipare alla suddivisione della ingente ricchezza generata, i secondi si impegnarono per conservarla e possibilmente accrescerla aumentando le dimensioni aziendali, e la qualità dei loro prodotti.......................................

Archivio