Cronologia: la turbolenta storia dell'Ucraina dall'indipendenza nel 1991

https://www.aljazeera.com/news/2022/2/2/timeline-ukraines-turbulent-history-since-independence-in-19914







L'Ucraina ha subito sfide significative nei decenni successivi alla sua indipendenza da Mosca.

La Russia ha ammassato truppe vicino all'Ucraina e l'Occidente ha minacciato sanzioni economiche se dovesse lanciare un'invasione. Mosca nega di pianificare un'invasione, ma ha chiesto ampie garanzie di sicurezza occidentali. In altre parole l'Ucraina non deve entrare nella Nato. L'Ucraina dovrà essere un paese neutrale come la Finlandia.

Come gli Ucraini che appartengono da sempre alla nazione slava ribellarsi al grande fratello russo. E come può opporsi al grande fratello russo quando il 30% della sua popolazione è di madrelingua rossa. E come può opporsi una nazione senza confini naturali e con mescolanze di varie etnie rifiutare l'integrazione alle minoranze? E se Putin volesse imitare Hitler, che dopo l'annessione dell'Austria , minacciò una guerra se non avesse avuto i Sudeti, che gli Occidentali nel 1938 a Monaco gli concessero, ma Hitler occupata la Cescolovacchia la trasformò in un suo stato satellite? E poi quando nel 1939 voleva spartirsi la Polonia e finalmente gli Occidentali dissero basta?


Ecco una cronologia dei principali eventi della storia politica dell'Ucraina da quando ha ottenuto l'indipendenza da Mosca nel 1991.

Putin afferma che gli Stati Uniti stanno usando l'Ucraina come "strumento" per contenere la Russia

C'è un punto debole nel fianco orientale della NATO?

Crisi Ucraina-Russia: aumentano le violazioni del cessate il fuoco sulla linea di contatto.

In prima linea in Ucraina, i britannici combattono contro i separatisti sostenuti dalla Russiafine elenco


1991

Leonid Kravchuk, leader della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina, dichiara l'indipendenza da Mosca. In un referendum e nelle elezioni presidenziali, gli ucraini approvano l'indipendenza ed eleggono Kravchuk come presidente.

1994

Kravchuk perde le elezioni presidenziali contro Leonid Kuchma, anche lui ex comunista, in elezioni ritenute ampiamente libere ed eque dagli osservatori.

1999

Kuchma viene rieletto nel 1999 con una votazione piena di irregolarità.

2004

Il candidato filo-russo Viktor Yanukovich viene dichiarato presidente, ma le accuse di brogli elettorali innescano proteste in quella che diventa nota come la Rivoluzione arancione, costringendo a una replica del voto. Un ex primo ministro filo-occidentale, Viktor Yushchenko, viene eletto presidente.

2005

Yushchenko prende il potere con la promessa di portare l'Ucraina fuori dall'orbita del Cremlino, verso la Nato e l'Unione Europea. Nomina l'ex capo della compagnia energetica Yulia Tymoshenko come primo ministro ma, dopo aver combattuto nel campo filo-occidentale dell'Ucraina, viene licenziata.

2008

La NATO promette all'Ucraina che un giorno si unirà all'alleanza.

2010

Yanukovich sconfigge Tymoshenko alle elezioni presidenziali. Russia e Ucraina siglano un accordo sui prezzi del gas in cambio dell'estensione del contratto di locazione per la marina russa in un porto ucraino del Mar Nero.

2013

Il governo di Yanukovich sospende i colloqui commerciali e di associazione con l'UE a novembre e sceglie di rilanciare i legami economici con Mosca, innescando mesi di manifestazioni di massa a Kiev.

2014

Le proteste, in gran parte concentrate intorno alla piazza Maidan di Kiev, diventano violente. Decine di manifestanti vengono uccisi.

A febbraio il parlamento vota per rimuovere Yanukovich, che fugge. In pochi giorni, uomini armati si impossessano del parlamento della regione ucraina della Crimea e issano la bandiera russa.

Mosca annette il territorio dopo un referendum del 16 marzo che mostra un sostegno schiacciante in Crimea per l'adesione alla Federazione Russa.

Ad aprile, i separatisti filorussi nella regione orientale del Donbas dichiarano l'indipendenza. I combattimenti sono scoppiati e sono continuati sporadicamente, nonostante i frequenti cessate il fuoco, nel 2022.

A maggio, l'uomo d'affari Petro Poroshenko vince le elezioni presidenziali con un'agenda filo-occidentale.

A luglio, un missile abbatte l'aereo passeggeri MH17 in rotta da Amsterdam a Kuala Lumpur, uccidendo tutte le 298 persone a bordo. L'arma utilizzata viene fatta risalire dagli investigatori alla Russia, che nega il coinvolgimento.


2017

Viene approvato un accordo di associazione tra l'Ucraina e l'UE, che apre i mercati al libero scambio di beni e servizi e all'esenzione dal visto per l'UE per gli ucraini.

2019

Una nuova chiesa ortodossa ucraina ottiene il riconoscimento formale, facendo arrabbiare il Cremlino.

L'ex attore e comico Volodymyr Zelenskyy sconfigge Poroshenko alle elezioni presidenziali di aprile, promettendo di combattere la corruzione e porre fine al conflitto in corso nell'Ucraina orientale. Il suo partito Servo del popolo vince le elezioni parlamentari di luglio.

L'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto a Zelenskyy a luglio di indagare su Joe Biden, allora suo rivale nella corsa presidenziale degli Stati Uniti, e il figlio di Biden Hunter Biden su possibili rapporti d'affari in Ucraina. La chiamata alla fine porta a un tentativo fallito di mettere sotto accusa Trump.


marzo 2020

L'Ucraina entra nel suo primo lock-down per frenare il COVID-19.

giugno 2020

Il Fondo monetario internazionale (FMI) approva un'ancora di salvezza da 5 miliardi di dollari per aiutare l'Ucraina a scongiurare il default durante una recessione indotta dalla pandemia.

gennaio 2021

Zelenskyy fa appello a Biden, che ora è presidente degli Stati Uniti, affinché l'Ucraina aderisca alla NATO.


Febbraio 2021

Il governo di Zelenskyy impone sanzioni a Viktor Medvedchuk, un leader dell'opposizione e il più importante alleato del Cremlino in Ucraina.

Primavera 2021

La Russia ammassa le truppe vicino ai confini dell'Ucraina. La Russia afferma che sono solo manovre di addestramento.

ottobre 2021

L'Ucraina utilizza per la prima volta un drone turco Bayraktar TB2 nell'Ucraina orientale, facendo arrabbiare la Russia.

Autunno 2021

La Russia ricomincia ad ammassare truppe vicino all'Ucraina.


7 dicembre 2021

Biden avverte la Russia di inasprire le sanzioni economiche occidentali se invade l'Ucraina.

17 dicembre 2021

La Russia presenta richieste di sicurezza dettagliate, inclusa una garanzia giuridicamente vincolante che la NATO rinuncerà a qualsiasi attività militare nell'Europa orientale e in Ucraina.

10 gennaio 2022

I diplomatici statunitensi e russi non riescono ad appianare le differenze sull'Ucraina e anche i successivi colloqui non portano a grandi progressi.

14 gennaio 2022

Un attacco informatico che avverte gli ucraini di “aver paura e aspettarsi il peggio” colpisce i siti web del governo ucraino.


Archivio