Francia e Germania : sobrietà energetica








Per evitare il razionamento di gas ed elettricità questo inverno, Emmanuel Macron ha esortato i francesi lunedì 5 settembre a "essere all'appuntamento della sobrietà", invocando solidarietà tra i paesi europei in questa lotta. "Non dobbiamo giocare sulla paura, non siamo in questa situazione" di razionamento, ha assicurato il presidente nel corso di una conferenza stampa dedicata alla crisi energetica. "Abbiamo in mano il nostro destino perché, da febbraio, abbiamo fatto tante cose e perché se riusciremo ad essere all'appuntamento di solidarietà e sobrietà", "la soluzione è nelle nostre mani", ha aggiunto.


Raffreddamento aria condizionata e riscaldamento

"Dobbiamo muoverci tutti!", ha proseguito, invocando "comportamenti mutevoli" come quello di "mettere l'aria condizionata un po' meno forte" e "il riscaldamento un po' meno forte del solito" quando 'farà freddo, citando la temperatura di 19 gradi. "Se collettivamente sapremo comportarci in modo più sobrio e risparmiare energia ovunque, allora non ci saranno razionamenti e non ci saranno tagli", ha insistito il Capo dello Stato, nel ricordare l'obiettivo del raggiungimento del "10% di risparmio energetico".


Soluzioni franco-tedesche per il gas

Tre giorni dopo aver presieduto un Consiglio di difesa energetica, Emmanuel Macron ha incontrato lunedì in videoconferenza con il cancelliere tedesco Olaf Scholz per concordare soluzioni per affrontare la possibilità di un'interruzione totale delle consegne di gas. Ha annunciato che la Francia si è impegnata a fornire più gas alla Germania, che potrebbe in cambio fornirle elettricità se la crisi energetica lo richiedesse questo inverno. "Stiamo per finalizzare gli allacciamenti gas per poter fornire gas alla Germania (...), se ci fosse bisogno di solidarietà", e quest'ultima "si metterà nelle condizioni di produrre più elettricità e di (en ) portare in situazioni di picco”, ha spiegato. Emmanuel Macron si è anche dichiarato "favorevole a pratiche comuni di acquisto di gas" in Europa, per acquistare "più a buon mercato", oltre a limitare il prezzo del gas russo consegnato tramite gasdotto.


Un "meccanismo contributivo europeo" piuttosto che una tassa sui superprofitti

Lunedi ha anche affermato di essere favorevole all'imposizione da parte dell'UE di un contributo agli operatori energetici che realizzerebbero "profitti indebiti" con l'impennata dei prezzi all'ingrosso dell'elettricità nel continente, all'unisono con la "Germania". "Stiamo difendendo un meccanismo di contribuzione europea (...) che sarebbe quindi richiesto agli operatori energetici", ha dichiarato Emmanuel Macron, mentre la Commissione europea prepara un proprio piano per contenere l'impennata dei prezzi dell'energia elettrica vista quest'estate. Piuttosto che una tassa nazionale sui superprofitti, la Francia sostiene quindi un meccanismo non fiscale, armonizzato a livello europeo, che permetterebbe di recuperare parte dei profitti realizzati dai produttori di energia elettrica rinnovabile o nucleare che oggi producono energia elettrica a basso costo ma rivenduta a prezzi record.


I prezzi europei dell'elettricità, indipendentemente dal loro metodo di produzione, sono infatti correlati al prezzo del gas, che ha raggiunto i massimi storici dopo la guerra in Ucraina. “Questo contributo potrebbe poi essere restituito agli Stati per finanziare le loro misure nazionali mirate”, nei confronti delle famiglie e delle imprese, del tipo a scudo tariffario, ha spiegato. Anche la Germania, il cui cancelliere Olaf Scholz ha parlato con Emmanuel Macron lunedì, difende questo tipo di meccanismo con la Commissione.



"Serve più interconnessione elettrica" ​​di una nuova interconnessione del gas

Se l'Unione Europea non adotterà un contributo così speciale sugli operatori energetici, allora "si tornerà ai dibattiti nazionali", ha detto il presidente francese, che per il momento esclude la creazione di una tassa speciale francese sulle imprese del settore energetico. “Per ridurre la volatilità dei prezzi, riteniamo essenziale disporre di misure per combattere le pratiche speculative”, ha aggiunto Macron, riferendosi alle fortissime variazioni di prezzo delle ultime settimane in Europa. "Il nostro auspicio è che ci possano essere meccanismi di controllo di queste operazioni speculative a livello europeo".


La Francia : da primo esportatore di elettricità diventa importatore con Svezia e Germania primi esportatori. EDF ha fermato 12 reattori nucleari su 56 per problemi di corrosione ed altri 18 per manutenzione ordinaria programmata.

Archivio