L’ECONOMIST: vicina all’immunità l'area di Bergamo che è ha avuto più decessi per coronavirus





Secondo l’Economist, l’area di Bergamo che è stata maggiormente colpita durante la prima ondata, ora sarebbe al riparo per via dell’alto numero di cittadini con gli anticorpi. 





# L’immunità di gregge: se un numero sufficiente di persone diventa immune, il virus non riesce più a circolare 

Una delle domande più urgenti sul covid-19 è quanto possa essere realizzabile l'”immunità di gregge”. Mantenendo costanti altri fattori, più persone hanno anticorpi protettivi, più lentamente si diffonde il virus. Se un numero sufficiente di persone diventa e rimane immune, si prevengono ulteriori focolai.

# I dati italiani mostrano un maggior grado di protezione nelle zone più flagellate 

Alcuni esperti hanno consigliato di lasciare che i giovani e sani ricevano il covid-19, al fine di avvicinarsi a tale immunità di gregge. I dati europei suggeriscono che questo obiettivo rimane lontano: all’interno dei Paesi, anche le regioni con il maggior numero di casi in primavera tendono ad avere i focolai più grandi ora. Tuttavia ampie medie possono oscurare la variazione locale. E nuovi dati italiani mostrano che i luoghi più colpiti godono ora di un certo grado di immunità.

# L’area di Bergamo sta registrando 1/3 dei decessi rispetto alle aree meno colpite la scorsa primavera




Il covid-19 ha colpito più duramente alcune città risparmiandone altre. In Lombardia, cuore della prima ondata italiana, da marzo a giugno sono morte l’83% in più di persone rispetto alla media storica, un eccesso che rappresenta lo 0,3% della popolazione. Eppure alcune sacche della regione sono state colpite in modo sproporzionato. Il tasso era dello 0,6% della popolazione della provincia di Bergamo e superiore all’1% in 30 dei 243 comuni di Bergamo. Se da qualche parte ci sono abbastanza anticorpi per contenere la diffusione del covid-19, sarebbero di certo in queste zone.



Isaia Invernizzi, giornalista, ha avuto accesso ai dati regionali nel dettaglio, che dimostrano che le città più colpite stanno andando insolitamente bene oggi. Dal 1° settembre, i comuni con morti in eccesso nella prima ondata di almeno lo 0,5% della popolazione hanno totalizzato 216 casi ogni 100.000 persone, un terzo rispetto alle aree con morti in eccesso intorno allo 0,1%.



# In Europa dove il più alto tasso di mortalità in eccesso è stato più alto, in Spagna, è solo 1/5 di quello di Bergamo





Anche il distanziamento sociale ha rallentato il virus. Secondo Google, i lombardi si sono mossi intorno al 24% in meno a luglio rispetto a gennaio, il calo più forte in Italia, un dato simile in tutta la Lombardia. Ciò lascia l’immunità come la migliore spiegazione per le differenze nel conteggio dei casi all’interno della regione.

Nessuno studio nazionale ha rilevato una quota di persone con anticorpi anche solo di un terzo rispetto al 24% visto a Bergamo a luglio. E il più alto tasso di mortalità in eccesso nazionale d’Europa, in Spagna, è solo un quinto di quello di Bergamo. Eppure per i bergamaschi assediati, i dati sono una buona notizia. L’indagine di sieroprevalenza ha mostrato come gli anticorpi sono diffusi soprattutto tra gli anziani e gli operatori sanitari, che ne hanno più bisogno.



Uno tsunami su Bergamo. La prevalenza dei casi positivi è maggiore di quella di New York, Londra e Madrid. E il 96% delle infezioni da Covid-19 non è stato rilevato dal sistema sanitario. Ma c’è una buona notizia: al momento risulta una delle province meno colpite in Italia. Forse ha ragione Remuzzi quando parla di raggiungimento di una sorta di immunità nelle zone più colpite. Ma vediamo i dati. 

PUBBLICITÀ

Covid: BERGAMO è stata la città PIÙ COLPITA AL MONDO

Pubblichiamo estratti articolo di “Bergamo Corriere” – Coronavirus, la ricerca del Mario Negri: Bergamo la città più colpita al mondo

# La ricerca dell’Istituto Mario Negri: Bergamo più colpita di New York, Londra e Madrid. Il 96% di positivi potrebbe essere sfuggito ai controlli del sistema sanitario

L’area di Bergamo è stata una delle più colpite al mondo dal nuovo coronavirus, con una prevalenza di casi positivi maggiore di quella di New York, Londra e Madrid: lo indica la ricerca condotta nel maggio scorso dall’Istituto Mario Negri e pubblicata sulla rivista EBioMedicine del gruppo The Lancet. I ricercatori specificano che la “sieroprevalenza supera di gran lunga le stime di New York (19,9%), Londra (17,5%) e Madrid (11,3%). La ricerca, del gruppo di Giuseppe Remuzzi indica che è risultato positivo al Covid 19 il 38,5% dei 423 volontari sui quali in maggio sono stati eseguiti il tampone nasofaringeo per la ricerca delle particelle virali e due tipi di test sierologici per la ricerca degli anticorpi.

Aggiungono i ricercatori che “si può ipotizzare che 420.000 persone siano entrate in contatto col virus, contro le 16.000 dei dati ufficiali al 25 settembre 2020. Questo indicherebbe che il 96% delle infezioni da Covid-19 non è stato rilevato dal sistema sanitario“.

# In questa seconda ondata è importante rilevare la carica virale, non solo la positività in sé Il capo del Laboratorio di terapia genica e riprogrammazione cellulare dell’Istituto Mario Negri Susanna Tomasoni sottolinea: ” I dati da rapportare alla situazione di maggio suggeriscono che qualificare l’entità della carica virale, piuttosto che riportare solo una positività di per sé, è importante per ottimizzare i criteri di dimissione dei soggetti infetti“. Il rischio, aggiunge la collega Ariela Benigni segretario scientifico e coordinatore delle ricerche è “di avere quadro epidemiologico fuorviante”.

Fonte Articolo: Corriere Bergamo #  Nella provincia orobica il numero dei contagi è sotto controllo. Prof. Remuzzi: “A Bergamo immunità da anticorpi al 50%,” AdBollette imprevedibili? Passa all’energia in abbonamento. Scopri NeN.NeN I positivi rilevati nella provincia orobica rimangono stabili poco sopra i 100 e la situazione sanitaria rimane in totale controllo senza nessuna crisi a livello di terapie intensive.  Già a settembre il Professor Remuzzi evidenziava come in base ai dati disponibili e le proiezioni si fosse già “creata una certa immunità che non è l’immunità di gregge, ma è fatta di tanti componenti. C’è l’immunità da anticorpi che a Milano e in Lombardia è intorno al 15-20% e a Bergamo fra il 30-50%. E poi c’è l’immunità delle cellule T, che sono dei linfociti capaci di riconoscere il virus. Questa immunità è più difficili da misurare, ma rappresenta il doppio dell’immunità da anticorpi. Quindi se il 20% in Lombardia ha gli anticorpi e il doppio verosimilmente ha le cellule T, possiamo dire che in Lombardia arriviamo al 60% di immunità“.





Fonte articolo: The Economist

Continua la lettura: Prof. Remuzzi: “In LOMBARDIA si è superata la soglia del 60% per l’IMMUNITÀ“

Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio