Progressisti lombardi n.165




Rielezione di Mattarella a Presidente della Repubblica. Ogni partito, consapevole di non poter vincere e sconfiggere l'avversario preferisce lo "status quo". Il Presidente della Repubblica non si cambia. La resa dei conti è rinviata all'anno prossimo, con le elezioni politiche.


Miracolo Cartabia- Draghi : passata una riforma della magistratura in gestazione da 50 anni.

Divieto di esercitare funzioni giurisdizionali e ricoprire incarichi elettivi e governativi, nazionali e locali, in simultanea. I magistrati che hanno ricoperto cariche elettive per almeno un anno o incarichi di governo, al termine del mandato sono collocati fuori ruolo.

Viene previsto che i magistrati non siano eleggibili nelle regioni ove sia compreso l’ufficio giudiziario dove hanno prestato servizio negli ultimi tre anni.

All’accettazione della candidatura, i magistrati devono essere posti in aspettativa senza assegno, con divieto di cumulo del trattamento economico con l’indennità prevista per la carica.


I cantieri riformisti di Letta, Renzi e Calenda sono iniziati per spartirsi quel che resta del M5S. Ogni partito ora fa i conti con il crollo del Movimento Cinque Stelle e le sue conseguenze sul piano delle alleanze. Si parla di una nuova legge elettorale di tipo proporzionale, ma tutti calcolano quanti voti potranno sottrarre ai pentastellati.


La destra è strenuamente schierata per il maggioritario. Letta è prudente prima di incamminarsi sulla nuova legge elettorale che naufragherebbe senza una accordo molto vasto tra i partiti.

Superficialmente ancora una volta si parla solo di una nuova legge elettorale che dovrebbe avvantaggiare un partito, od una fazione, nessuno ha il coraggio di parlare del potenziamento dei poteri del Presidente del Consiglio, che 'primus inter pares' è costretto ad elemosinare ogni volta il voto dei ministri, e tantomeno si parla di sfiducia costruttiva da parte del Parlamento che costringerebbe alle dimisssioni il governo solo in caso di accertata alternanza parlamentare.

Ancora una volta non si vuole copiare le riforme attuate negli anni '90 per conferire maggiori poteri ai sindaci ed ai governatori che dimostrano di funzionare molto bene. L'assalto alla diligenza, lo stato centrale, fa gola a tutti e nesssono vuole essere escluso. Il18 si terrà la Direzione del Pd, il 19-20 il primo congresso di Azione, il 24 l’Assemblea nazionale di Italia viva. Cosa lega, o potrebbe legare, questi tre appuntamenti? L’aggiornamento delle rispettive linee politiche in un quadro apparentemente stabilizzato attorno al confermato binomio Mattarella-Draghi ma sotto la superficie sempre molto nervoso. Per correttezza di informazione l'attuale legge elettorale il Rosatellum fa funzionato abbastanza bene inviando un numero di parlamentari quasi proporzionali ai voti eletti.

Semiconduttori, la Ue punta a raddoppiarne la produzione

Rafforzare l’indipendenza tecnologica dell’Unione europea e aumentarne la competitività per fare fronte alla crisi dei semiconduttori. Con questi due obiettivi in mente la Commissione europea ha alzato il velo ieri, martedì 8 febbraio, sull’European Chips Act, un piano da 43 miliardi di euro che punta a raddoppiare la quota di mercato europea nella produzione di semiconduttori, portandola al 20% entro il 2030. “Questa iniziativa cambierà le carte in tavola per la competitività globale del mercato unico europeo – ha spiegato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen –. A breve termine, la strategia che presentiamo oggi rafforzerà la nostra resilienza dinanzi a crisi future, permettendoci di evitare interruzioni della catena di approvvigionamento. Nel medio termine, contribuirà a rendere l’Europa un leader industriale in questo settore strategico». Superbonus 110%, nuove regole: fino a tre cessioni, nuovi tetti di spesa

Da una parte le norme anti truffe, dall’altro misure anti-speculazione: il governo fissa le nuove regole per far ripartire i lavori collegati al Superbonus 110%, limitando le frodi. Tra le principali novità, il tracciamento di ogni operazione. Per questo è in arrivo un codice identificativo, di fatto una sorta di bollino che accompagnerà le diverse cessioni, che consentirà di risalire a tutta la filiera. La nuova soglia prevede invece la possibilità di un limite massimo di tre cessioni del credito se queste operazioni avvengono attraverso canali certificati sicuri, come quelli bancari. Uno stratagemma che, insieme all’asseverazione, al visto di conformità sull’adeguatezza dei prezzi e al controllo preventivo dell’Agenzia delle Entrate (che ha cinque giorni di tempo per rispondere), consentirà di evitare il meccanismo di truffe miliardario che ha interessato anche altri bonus, come quello per le facciate. Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, si è innestato il meccanismo fraudolento, “gravi irregolarità connesse alla creazione, anche da parte di organizzazioni criminali ramificate su tutto il territorio nazionale, di crediti d’imposta inesistenti per importi di vari miliardi di euro che, dopo articolate concatenazioni di cessioni a società e persone fisiche interposte, sono stati in parte monetizzati presso istituti di credito o altri intermediari finanziari”. E in alcuni casi, “i proventi delle frodi sono stati veicolati all’estero”.


Il presidente di Nomisma Energia Davide Tabarelli: la realizzazione di sei nuovi reattori annunciata dalla Francia è una grande notizia. Ma la salvezza dell’Europa dipende dal Nord Stream 2, perché il gas che arriva oggi è poco e costa molto. Draghi può solo tamponare, l’Italia doveva fare di meglio in passato, estraendo l’energia che abbiamo sotto i piedi

In un mondo ideale, Russia e Ucraina smetterebbero di minacciare guerra, tenendo sotto scacco l’Europa e soprattutto la sua economia. Il 2022 verrà ricordato sui libri di storia come l’anno della grande crisi energetica, del gas alle stelle, delle bollette impazzite e dei fatturati polverizzati dall’aumento dei costi delle materie prime. Sì, sul versante italiano il premier Mario Draghi ci ha messo una pezza, una decina di miliardi incluso l’ultimo intervento ancora in gestazione, ma non basta.


Sommario

Mattarella bis: chi ha vinto e chi ha perso nei partiti





Cronologia: la turbolenta storia dell'Ucraina dall'indipendenza nel 1991



Conte vs Di Maio. Di Maio vs Conte. Cosa è rimasto del Movimento 5 Stelle?





In Europa la fine dell'epidemia di Covid è vicina?













Occupazione in crescita I giovani hanno cominciato a trovare lavoro, non accadeva da 20 anni


La produzione industriale lombarda chiude il 2021 in crescita del 15,6% sul 2020 (+4,3% sul 2019)










Archivio