Tempesta nell'acquasantiera: Papa Francesco dichiara guerra ai tradizionalisti.


Gino Hoel Slate. 20 luglio La notizia ha avuto l'effetto di una bomba. Il 16 luglio, con un motu proprio ("di sua iniziativa") intitolato Traditionis Custodes,Papa Francesco decise di rendere quasi impossibile celebrare la messa secondo il messale prima del Concilio Vaticano II (1962-1965). Questa possibilità era stata data dal suo predecessore, Benedetto XVI, che ne aveva fatto una discriminate del suo pontificato. Francesco spiega perché ha preso questa decisione dopo essersi consultato nel 2020 con l'episcopato mondiale. Alla luce delle risposte che ha ottenuto, più che unire i fedeli, questa forma rituale li disunisce. Soprattutto, questa Messa è usata come standard dai cattolici contrari al Concilio Vaticano II, al quale il Papa gesuita è molto attaccato. Atto forte e coraggioso del suo pontificato, Francesco cercò di eliminare la competizione tra le due forme rituali esistenti, restituendo pieni poteri ai vescovi in materia liturgica. Per comprendere appieno questi problemi, dobbiamo fare una breve deviazione attraverso la storia. Il primo testo votato a stragrande maggioranza dai Padri del Concilio Vaticano II fu una costituzione sulla liturgia(Sacrosanctum Concilium), per rinnovare la Messa. Istituita da papa Pio V (1566-1572) pochi anni dopo il Concilio di Trento (1545-1563), il rituale codificò i più piccoli dettagli della liturgia. Non tollerando alcuna deviazione, il rito risultante dal Concilio di Trento si riversò nel legalismo e rese la liturgia affari del clero, il popolo era lì solo per assistere allo spettacolo. Inattivo durante la messa, recitava i rosari senza capire davvero cosa stava succedendo attorno all'altare. La Messa di Pio V subì alcuni piccoli cambiamenti fino al Concilio Vaticano II, che richiese espressamente un nuovo rituale che fu introdotto nel 1970, sotto il pontificato di Paolo VI (1963-1978). Questo fu l'inizio delle messe nelle lingue moderne, il latino non è più obbligatorio, ed i laici partecipano alla liturgia. L'obiettivo era infatti quello di rendere comprensibile ciò che non era più comprensibile, e di associare più strettamente i fedeli alla preghiera guidata dal sacerdote. Questa messa nota come Paolo VI non fu tuttavia accettata da tutti. Tra gli oppositori, l'arcivescovo francese Marcel Lefebvre (1905-1991), fondatore della Fraternità Sacerdotale di San Pio X (FSSPX), che approfittò di questo nuovo rituale per opporsi alle decisioni del Concilio Vaticano II. Tra i temi denunciati dall'arcivescovo Lefebvre: libertà religiosa, dialogo interreligioso, ecumenismo e Messa. Il punto di rottura arrivò nel 1988, quando l'arcivescovo Lefebvre ordinò quattro vescovi senza un mandato papale. Ora scomunicato, lui e i suoi seguaci stavano sprofondando in uno scisma. Ma Roma ha creato la commissione Ecclesia Dei per accogliere i fedeli legati alla vecchia Messa che si sono rifiutati di seguire l'arcivescovo Lefebvre. Questa commissione permise la creazione di comunità che riconoscevano ufficialmente il Vaticano II, mentre celebravano secondo il rito di Pio V. Nel 2007 Benedetto XVI si è rivolto ai tradizionalisti e ai fondamentalisti promulgando il motu proprio Summorum Pontificum,che ha istituito due forme di rito romano: "ordinaria" (la Messa di Paolo VI), "straordinaria" (la Messa di Pio V).

Questa decisione ha avuto diverse conseguenze. Contro il Concilio Vaticano II, che aveva rafforzato il potere dei vescovi, il Summorum Pontificum, li rese incompetenti in materia liturgica. Infatti, un sacerdote diocesano potrebbe usare l'una o l'altra forma rituale senza riferirsi a nessuno. Inoltre, né un sacerdote né il vescovo diocesano potrebbero rifiutare a un gruppo di fedeli (qualunque sia la sua dimensione) la celebrazione dell'antica messa. In caso di rifiuto, questo gruppo poteva appellarsi al Vaticano. Molti, tra i fedeli e i chierici che celebrano la forma straordinaria del rito romano, hanno messo in dubbio la validità dei testi votati - come Mons. Lefebvre e la FSSPX - e, recentemente, non nascondevano la loro opposizione a papa Francesco, che ai loro occhi era troppo liberale. Il Papa deplora la strumentalizzazione politica. Il Papa argentino ha quindi deciso di porre fine a questa possibilità offerta da Benedetto XVI, rendendo praticamente impossibile la celebrazione della Messa secondo il rito di Pio V. La Traditionis Custodes afferma infatti che la Messa di Paolo VI è “l'unica espressione della lex orandi [“legge della preghiera”] del rito romano” e restituisce potere al Vescovo diocesano in materia liturgica. Spetta a lui decidere se ritenga opportuno autorizzare o meno la celebrazione della Messa secondo l'antico messale nella sua diocesi. Francesco denuncia un "uso distorto" di questa forma straordinaria che dà un colpo di coltello all'unità della Chiesa, di cui è garante e, se lo autorizza, deve verificare che i fedeli aderiscano bene.

Il Vescovo diocesano deve anche assicurare che queste messe non abbiano luogo nelle chiese parrocchiali e che le letture siano fatte nella lingua del popolo. Infine, i nuovi sacerdoti potranno celebrare il rito di Pio V solo con l'autorizzazione del Vaticano. Va notato che la forma straordinaria del rito romano ha attirato una piccolissima minoranza di fedeli, spesso vicini all'estrema destra, rispetto al miliardo e mezzo di cattolici nel mondo. Ma soprattutto, ciò che Francesco deplora nella sua lettera è la strumentalizzazione politica di questa Messa da parte dei fedeli e del clero che celebrano secondo l'antico rito, strumentalizzazione «caratterizzata da un crescente rifiuto non solo della riforma liturgica, ma del Concilio Vaticano II, con l'infondata e insostenibile pretesa di tradire la Tradizione e “la vera Chiesa””. Francesco denuncia un “uso distorto” di questa forma straordinaria che dà un colpo di coltello all'unità della Chiesa, di cui è garante. L'esempio più eclatante è il rifiuto dei preti tradizionalisti di concelebrare con altri preti.

Certamente, le comunità tradizionaliste e fondamentaliste hanno avuto qualche successo con i seminaristi. È anche per questo motivo che Papa Francesco ha preso questa decisione. Per questo papa è una svolta: non capisce come i giovani che non hanno conosciuto l'antico rito possano essere così desiderosi di celebrarlo. Vi vede segni della "rigidità" e "autoreferenzialità" del clero, che regolarmente denuncia. Lo scorso maggio ha spiegato ai vescovi italiani che “c'è un grande pericolo (…). Non si può scherzare con i ragazzi che vengono a casa nostra per il seminario». E per puntare il dito contro la "immaturità" di certi candidati e la loro dichiarata volontà di celebrare, a volte esclusivamente, la vecchia messa. Nella stessa logica, prima della pubblicazione della Traditionis Custodes, pose fine alle celebrazioni dell'antico rito nella Basilica di San Pietro a Roma e chiese che fossero favorite le concelebrazioni. Come ai vecchi tempi, ogni sacerdote, facendo la richiesta, poteva celebrare la sua messa, con o senza fedele. L'uso del messale antico d'ora in poi è particolarmente regolamentato all'interno della basilica vaticana.

Queste diverse decisioni che limitano l'uso del vecchio messale fanno parte di un piano del Papa, di cui è nota la lotta al clericalismo vettore di abusi. Il rito di Pio V, con al centro il sacerdote, è senza dubbio l'espressione più riuscita del clericalismo storico denunciato da Francesco. È anche l'espressione di una teologia che non esiste più dal Concilio Vaticano II e dalla Chiesa sinodale voluta dal Papa gesuita. François sa anche di avere molti oppositori tra i tradizionalisti, soprattutto all'interno della Curia, che sta lottando per riformare. Nonostante tutto, sta scommettendo che questo pensiero alla fine scomparirà, ed è per questo che ha preso questa decisione: per accelerare il processo. Ma il Papa ha appena dichiarato guerra anche a questi fedeli, già armati, se dobbiamo credere ai siti tradizionalisti e fondamentalisti, scatenati dalla pubblicazione di questo motu proprio. Prova, se necessario, che le preoccupazioni di François erano fondate.

Gino Hoel


Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio