Vincitori e vinti nella guerra contro il coronavirus

Please use the sharing tools found via the share button at the top or side of articles. Copying articles to share with others is a breach of FT.comT&Cs and Copyright Policy. Email licensing@ft.com to buy additional rights. Subscribers may share up to 10 or 20 articles per month using the gift article service. More information can be found here.

https://www.ft.com/content/52026a57-ed8d-4877-9663-ed8884f6c7a1

https://www.ft.com/content/52026a57-ed8d-4877-9663-ed8884f6c7a1




Con la fine del confinamento i giovani riprenderanno ancor di più di prima le loro attività sociali.

Questo è il pensiero alla base della previsione di un aumento dell'80% dei ricavi per il prossimo trimestre da Snap, il genitore dell'app di messaggistica Snapchat quando ha annunciato i suoi risultati. La raffica di dichiarazioni sugli utili delle ultime settimane ci ha offerto una serie di spunti sul comportamento dei consumatori, nonché una guida alle mutevoli fortune delle più grandi aziende del mondo mentre i vaccini condizionano le prospettive economiche e spingono i paesi più ricchi del mondo a riaprire. Le banche statunitensi sono state tra i maggiori vincitori nel primo trimestre, beneficiando in particolare di un boom dell'investment banking. Profitti record sono stati annunciati anche da società come il gestore patrimoniale Blackstone , incoraggiati dalle crescenti prospettive di ripresa economica e sostenuti dai programmi di sostegno del governo. Il commercio al dettaglio, in particolare quelli che dipendono dai punti vendita fisici, hanno attraversato un periodo difficile poiché i negozi sono stati costretti a chiudere. Inditex , il più grande rivenditore di abbigliamento al mondo, ha registrato un forte calo dei profitti per l'intero anno, aggravato dalla tendenza per l'abbigliamento da casa per il soggiorno piuttosto che dalla moda veloce favorita da artisti del calibro della sua catena Zara. Il discount Primark ha riportato profitti in calo, ma sta proseguendo con aperture nella speranza che la domanda repressa riporti i consumatori in negozio. Dopo aver sopportato l'anno peggiore nella storia dell'aviazione, gli annunci del primo trimestre delle compagnie aeree statunitensi sono stati conditi con ottimismo sul fatto che "il peggio è dietro di noi" e spera che la stagione delle vacanze estive possa ancora essere salvata. In Europa, il capo di Ryanair Michael O'Leary ha dichiarato questa settimana a un pubblico di FT che i viaggi aziendali potrebbero tornare ai livelli pre-pandemia entro il 2022. Gli annunci del settore del lusso sono stati ancora più ottimistici, indicando che i danni della pandemia potrebbero essere superati già quest'anno poiché gli acquirenti negli Stati Uniti e in Cina hanno più che compensato la mancanza di vendite dalle boutique chiuse nelle capitali europee. Hermès ha registrato un aumento dei ricavi del 33% rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre LVMH , il più grande gruppo del lusso al mondo, la scorsa settimana ha registrato un aumento dell'8%. Le aziende di consumo offrono alcuni spunti interessanti sui cambiamenti della società. Il gruppo statunitense Procter & Gamble ha ridotto le vendite di rasoi perchè gli uomini lavoravano a casa senza radersi, ma hanno più che compensato la carenza del boom dei prodotti per la pulizia. Nestlé , il più grande produttore di alimenti al mondo, ha registrato la crescita trimestrale più rapida degli ultimi dieci anni, poiché i consumatori di caffeina hanno scambiato le loro solite visite al bar per le cialde Nespresso e si sono prodigati per gli ingredienti da forno fatti in casa. Gli ovvi perdenti sono stati i settori che si affidano a eventi dal vivo come concerti e sport professionistici. Informa , il più grande organizzatore di fiere al mondo, ha annunciato una perdita di 1,1 miliardi di sterline e ha affermato di aspettarsi che gli eventi fisici su larga scala saranno una delle ultime parti dell'economia a tornare ai livelli di trading pre-pandemia. Una domanda ancora da risolvere è se i titoli "restare a casa" che hanno beneficiato della pandemia, come la società di videoconferenze Zoom , possano continuare ad espandersi mentre la vita torna a una sorta di normalità. Ci saranno più indizi la prossima settimana con dichiarazioni trimestrali dovute da Apple, Amazon, Facebook e Microsoft. Economia globale I servizi nell'eurozona sono tornati a crescere per la prima volta dall'estate scorsa, mentre la produzione si sta espandendo al massimo dall'inizio dei record nel 1997, secondo l'indagine PMI di IHS Markit. "La spesa repressa, il rifornimento, gli investimenti in nuovi macchinari e il crescente ottimismo sulle prospettive hanno contribuito ad alimentare un'ulteriore impennata record sia della produzione che dei nuovi ordini", ha affermato. La Banca centrale europea ha affermato che la ripresa ha ancora molta strada da fare poiché ha mantenuto i tassi di interesse invariati durante l'ultima riunione di politica monetaria.





Attività commerciale La vera portata dei danni causati dalla pandemia alle imprese del Regno Unito potrebbe essere rivelata quando "la diga delle imprese zombi " si romperà quest'estate quando le misure di sostegno del governo giungeranno al termine. Secondo il gruppo fallimentare Begbies Traynor, il numero di società in gravi difficoltà finanziarie è aumentato al tasso più rapido da oltre sette anni. La continua enorme domanda di PC domestici durante la pandemia ha aiutato il produttore di chip Intel a mitigare le perdite dalla sua attività di data center in quanto ha riportato i risultati del primo trimestre. Le vendite globali di PC hanno raggiunto il picco di oltre 350 milioni nel 2012 prima di scendere sotto i 260 milioni nel 2018, per poi tornare sopra i 300 milioni l'anno scorso. La caduta della domanda di carta da giornale e da ufficio è stata messa al turbo dalla pandemia, infliggendo un duro colpo all'industria della carta . La finlandese Stora Enso ha dichiarato che chiuderà due cartiere e ridurrà la capacità di oltre un terzo. Il cambiamento, tuttavia, è stato attutito dalla domanda di materiali di imballaggio poiché gli acquisti online continuano a crescere. mercati Poiché un forte rimbalzo degli Stati Uniti alimenta i timori di surriscaldamento economico, i fondi che detengono obbligazioni protette dall'inflazione stanno registrando i loro afflussi più elevati dalle conseguenze della crisi finanziaria globale. "[I titoli protetti dall'inflazione del Tesoro] non ti daranno un grande rendimento o potenziale di rendimento, ma se sei preoccupato per una significativa sorpresa al rialzo dell'inflazione, non c'è davvero nessun investimento migliore là fuori che possa fungere da copertura", ha affermato un analista.

Attualità...
Cerca per etichetta...
Seguici su...
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
Archivio